Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
OncoDermatologia
Tumore Vescica

Alectinib nel trattamento del carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo, avanzato


Uno studio di fase II ha mostrato che Alectinib presenta una promettente attività nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), ALK-positivo, in fase avanzata, refrattario al trattamento con Crizotinib ( Xalkori ).

Alectinib ( Alecensa ) è un inibitore della tirosin-chinasi di ALK, che viene somministrato per os, nel trattamento dei pazienti con tumore NSCLC metastatico ALK-positivo che va incontro a progressione o che non tollerano Crizotinib.
Il farmaco è stato approvato negli Stati Uniti dall’FDA ( Food and Drug Administration ).

I pazienti con tumore NSCLC con riarrangiamento di ALK sviluppano resistenza a Crizotinib.
La progressione durante trattamento con Crizotinib potrebbe essere dovuta a rilevanti mutazioni di resistenza acquisite in ALK, all'attivazione di altre vie di segnalazione, e, in circa la metà dei pazienti trattati con Crizotinib, allo sviluppo e/o alla progressione della malattia metastatica cerebrale.

Hanno preso parte allo studio 138 pazienti; tutti i pazienti hanno ricevuto 600 mg due volte al giorno di Alectinib.

L'endpoint primario era rappresentato dal tasso di risposta obiettiva ( ORR ), mentre gli endpoint secondari comprendevano: sopravvivenza libera da progressione, sopravvivenza globale, e gli effetti di Alectinib a livello del sistema nervoso centrale ( SNC ).

Complessivamente, il 61% dei pazienti aveva, al basale, metastasi al sistema nervoso centrale.
Tra i 122 pazienti valutabili, il tasso di risposta obiettiva è stato del 50% ( IC 95%, 41-59 ), e la durata mediana della risposta è stata di 11.2 mesi ( IC 95%, 9.6 - non ancora raggiunta ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 8.9 mesi ( IC 95%, 5.6-11.3 ), e il tasso di controllo della malattia a livello del sistema nervoso centrale è stato pari all’83% ( IC 95%, 74-91 ).

La durata mediana della risposta a livello cerebrale era di 10.3 mesi ( IC 95%, 7.6-11.2 ) e il tasso di risposta obiettiva per i 35 pazienti che avevano, al basale, lesioni misurabili al sistema nervoso centrale è stata del 57% ( IC 95%, 39 -74 ).

Un totale di 23 pazienti aveva, al basale, metastasi al sistema nervoso centrale senza precedente radioterapia. In questo sottogruppo, il 43% ha presentato una risposta completa a livello cerebrale.

Gli eventi avversi più comuni sono stati stipsi ( 33% ), affaticamento ( 26% ) ed edema periferico ( 25% ); la maggior parte di queste tossicità erano di grado 1 o 2. ( Xagena2016 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2016

Onco2016 Pneumo2016 Neuro2016 Farma2016


Indietro