Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario
Controversies in Genitourinary Tumors

Atezolizumab come trattamento di prima linea nei pazienti inadatti a Cisplatino con carcinoma uroteliale localmente avanzato e metastatico


La chemioterapia di prima linea per i pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico non-ammissibili al trattamento con Cisplatino è associata a breve durata di risposta, scarsa sopravvivenza, ed elevata tossicità. 
Uno studio ha valutato Atezolizumab ( Tecentriq ) ( anti-ligando 1 di morte programmata, PD-L1 ) come trattamento per il tumore uroteliale metastatico nei pazienti non-adatti a Cisplatino.

Per lo studio di fase 2, a braccio singolo, multicentrico, effettuato in 47 Centri oncologici in 7 Paesi in Nord America e in Europa, sono stati reclutati pazienti precedentemente non-trattati con tumore uroteliale localmente avanzato o metastatico non-ammissibili al trattamento con Cisplatino. 
I pazienti hanno ricevuto 1.200 mg di Atezolizumab per via endovenosa ogni 21 giorni fino a progressione della malattia.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST versione 1.1, in sottogruppi prespecificati basati sull'espressione di PD-L1 e in tutti i pazienti. 
Tutti i partecipanti che hanno ricevuto una o più dosi di Atezolizumab sono stati inclusi nelle analisi primaria e di sicurezza.

Tra il 2014 e il 2015, sono stati arruolati 123 pazienti, di cui 119 hanno ricevuto una o più dosi di Atezolizumab. 

A un follow-up medio di 17.2 mesi, il tasso di risposta obiettiva è stato del 23%, il tasso di risposta completa è stato del 9% ( n=11 ) e 19 su 27 risposte erano in corso.

La durata mediana della risposta non è stata raggiunta.

Le risposte si sono verificate in tutti i sottogruppi PD-L1 e nei sottogruppi con fattore prognostico sfavorevole.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.7 mesi. La sopravvivenza globale mediana è stata di 15.9 mesi.

Il carico di mutazione tumorale è risultato associato alla risposta.

Gli eventi avversi correlati al trattamento che si sono verificati nel 10% o più dei pazienti sono stati affaticamento ( 36 pazienti, 30% ), diarrea ( 14 pazienti, 12% ) e prurito ( 13 pazienti, 11% ).
Si è verificata una morte correlata al trattamento ( sepsi ).
9 pazienti ( 8% ) hanno presentato un evento avverso che ha portato alla sospensione del trattamento.
Eventi immunomediati si sono verificati in 14 pazienti ( 12% ).

Atezolizumab ha mostrato tassi incoraggianti di risposta durevole, sopravvivenza e tollerabilità, sostenendo il suo uso terapeutico nel carcinoma uroteliale, metastatico, non-trattato. ( Xagena2017 )

Balar AV et al, Lancet 2017; 389: 67-76

Uro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro