Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Controversies in Genitourinary Tumors
OncoDermatologia

Cabozantinib come terapia di prima linea migliora la sopravvivenza libera da progressione nel carcinoma renale metastatico rispetto a Sunitinib


Cabozantinib ha significativamente esteso la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto a Sunitinib ( Sutent ) come terapia iniziale mirata per i pazienti con carcinoma renale metastatico, secondo i risultati aggiornati dello studio CABOSUN.

Cabozantinib ( Cabometyx ) è una piccola molecola inibitrice delle tirosin-kinasi di MET, AXL e VEGFR2, approvata per il trattamento dei pazienti con carcinoma renale avanzato che hanno ricevuto precedenti terapie antiangiogeniche.

Lo studio CABOSUN ha valutato Cabozantinib versus Sunitinib come terapia iniziale mirata per i pazienti con carcinoma renale a cellule chiare, metastatico, a rischio alto o intermedio.

Lo studio CABOSUN ha incluso pazienti con fattori prognostici intermedi o sfavorevoli per i criteri IMDC; inoltre, i pazienti avevano un alto numero di altri fattori prognostici indipendenti di rischio avverso, come un elevato tasso di metastasi ossee, due o più siti di malattia metastatica, ECOG performance status di 2 e mancanza di una precedente nefrectomia.

Sono stati assegnati casualmente 79 pazienti a 60 mg di Cabozantinib al giorno. Gli altri 78 pazienti hanno ricevuto 50 mg di Sunitinib al giorno, somministrati in un programma di 4 settimane con il farmaco e 2 settimane senza.

L'analisi di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) presentata al Congresso ESMO del 2016 aveva dimostrato la maggiore efficacia di Cabozantinib rispetto a Sunitinib ( mediana, 8.2 mesi vs 5.6 mesi, hazard ratio, HR=0.66, 95% ).

Al Congresso ESMO del 2017, sono state presentate le analisi della sopravvivenza libera da progressione effettuate da una Commissione radiologica indipendente, nonché un aggiornamento della sopravvivenza globale ( OS ) basato su un cutoff dei dati a luglio.

Sono state valutate le immagini radiografiche di 156 su 157 pazienti arruolati. I risultati hanno dimostrato che Cabozantinib ha significativamente prolungato la sopravvivenza mediana libera da progressione rispetto a Sunitinib ( 8.6 mesi vs 5.3 mesi, HR=0.48 ).
I risultati hanno mostrato un vantaggio costante tra i sottogruppi basati sul gruppo di rischio IMDC e la presenza di metastasi ossee.

I risultati della sopravvivenza senza progressione sono forti e costanti, indicando un maggiore controllo della malattia con Cabozantinib, il che significa un potenziale nuovo trattamento per i pazienti che attualmente dispongono di opzioni limitate.

Dopo un follow-up mediano di 30.8 mesi, i risultati hanno mostrato che i pazienti trattati con Cabozantinib hanno raggiunto una più lunga sopravvivenza mediana globale ( 26.6 mesi vs 21.2 mesi, HR=0.79 ), anche se la differenza non ha raggiunto significatività statistica.

I profili di sicurezza dei farmaci sono sembrati coerenti con i rapporti precedenti. Una percentuale paragonabile di pazienti trattati con Cabozantinib e Sunitinib ha manifestato eventi avversi di grado 3 o grado 4 ( 68% vs 65% ). 16 pazienti in ogni gruppo hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi. ( Xagena2017 )

Fonte: ESMO - European Society for Medical Oncology, 2017

Onco2017 Uro2017 Nefro2017 Farma2017


Indietro