Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
ForumOncologico

Cabozantinib, come terapia di seconda linea, migliora la sopravvivenza libera da progressione nel carcinoma a cellule renali avanzato


I risultati dello studio di fase 3, METEOR, hanno mostrato che il trattamento di seconda linea con Cabozantinib ( Cometriq ) ha ridotto il rischio di progressione o morte del 42% rispetto a Everolimus ( Afinitor ) nei pazienti con carcinoma a cellule renali ( RCC ), in fase avanzata.

Dopo un minimo di 11 mesi di follow-up per i primi 375 pazienti arruolati nello studio in aperto, la sopravvivenza mediana libera da progressione con Cabozantinib è stata pari a 7.4 mesi rispetto ai 3.8 mesi con Everolimus ( hazard ratio, HR=0.58; 95% IC, 0.45-0.75; p inferiore a 0.001 ).
In questo stesso gruppo, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 21% in quelli trattati con Cabozantinib contro il 5% con Everolimus ( P inferiore a 0.001).

L'analisi ad interim della popolazione completa dello studio ( n=658 ) ha mostrato una tendenza al miglioramento in termini di sopravvivenza globale ( HR=0.67; 95% IC, 0.51-0.89; p = 0.005 ).

Nello studio completo, 658 pazienti sono stati randomizzati, in un rapporto 1:1, a ricevere Cabozantinib al dosaggio di 60 mg/die ( n=330 ) oppure Everolimus al dosaggio di 10 mg ( n=328 ).

L'endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione è stato valutato sui primi 375 pazienti arruolati nello studio.

In questa parte dello studio, 187 pazienti erano stati randomizzati a Cabozantinib e 188 avevano ricevuto Everolimus.

L'età media dei pazienti era di circa 62 anni ( range 31-86 ). La maggior parte dei pazienti aveva ricevuto una precedente terapia a base di inibitori tirosin-chinasici VEGFR ( VEGFR TKI ) ( 71% ), con circa il 29% dei pazienti che avevano ricevuto in precedenza due o più terapie. La terapia sistemica precedente era principalmente a base di Sunitinib ( 62% ), Pazopanib ( 43% ) e Axitinib ( 16% ).
Secondo i criteri MSK, il 46% dei pazienti era nella categoria di rischio prognostico favorevole, per il 41% il rischio era intermedio, e per il 13% il rischio prognostico era sfavorevole.

Secondo la valutazione dell’investigatore, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 7.4 mesi con Cabozantinib e di 5.3 mesi con Everolimus ( HR=0.60; 95% IC, 0.47-0.76; p inferiore a 0.001 ).

Cabozantinib è risultato superiore a Everolimus per la sopravvivenza libera da progressione in tutti i sottogruppi. Per quelli a rischio favorevole, c'è stata una riduzione del 56% del rischio con Cabozantinib ( HR=0.54; 95% IC, 0.37-0.79 ); nel gruppo a rischio sfavorevole, i benefici di Cabozantinib erano meno pronunciati ( HR=0.84; 95% IC, 0.46-1.53 ).

Per quelli trattati solamente con una precedente terapia, c'è stata una riduzione del 44% del rischio di progressione o morte con Cabozantinib versus Everolimus ( HR=0.56; 95% IC, 0.42-0.75 ).
In una analisi post-hoc di 153 pazienti che avevano ricevuto solo Sunitinib in precedenza, la sopravvivenza mediana libera da progressione con Cabozantinib è stata pari a 9.1 contro 3.7 mesi con Everolimus ( HR=0.41 ).
L'ORR con Cabozantinib in questo gruppo è stato del 22% rispetto al 3% con Everolimus.

La durata mediana del trattamento con Cabozantinib è stata di 7.6 mesi contro 4.4 mesi con Everolimus.

Riduzioni del dosaggio sono state richieste dal 60% e dal 25% dei pazienti, rispettivamente, nei bracci Cabozantinib ed Everolimus.

Il tasso di interruzione a causa di eventi avversi è stato del 9% nel braccio Cabozantinib contro il 10% con Everolimus.

Eventi avversi di grado 3/4 si sono verificati nel 68% dei pazienti trattati con Cabozantinib contro il 58% in coloro che avevano ricevuto Everolimus.
I più comuni eventi avversi di grado 3/4 con Cabozantinib sono stati: ipertensione ( 15% ), diarrea ( 11% ) e affaticamento ( 9% ); con Everolimus: anemia ( 16% ), affaticamento ( 7% ), e iperglicemia ( 5% ).
Eventi avversi di grado 5 si sono verificati nel 7% dei pazienti trattati con Cabozantinib e nell'8% di coloro che avevano ricevuto Everolimus.
Gli eventi avversi gravi più comuni nel braccio Cabozantinib sono stati: dolore addominale ( 3% ), versamento pleurico ( 3% ) e diarrea ( 2% ). Nel gruppo Everolimus, gli eventi avversi gravi più comuni sono stati: anemia ( 4% ), dispnea ( 4% ), e polmonite ( 4% ).

I risultati dello studio METEOR hanno indicato che Cabozantinib è in grado di ridurre le dimensioni del tumore e rallentare la crescita del tumore in modo migliore rispetto al trattamento standard nei pazienti che in precedenza avevano ricevuto farmaci con VEGFR come bersaglio. Questo ha portato a una significativa riduzione del tasso di progressione della malattia o della mortalità nel braccio Cabozantinib rispetto al braccio Everolimus. ( Xagena2015 )

Fonte: European Cancer Congress, 2015

Nefro2015 Onco2015 Farma2015


Indietro