Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Tumore prostata
Tumori GenitoUrinari

Cabozantinib migliore di Sunitinib come terapia mirata iniziale nel carcinoma a cellule renali metastatico a rischio alto o intermedio


Cabozantinib ( Cometriq; Cabometryx ) è un potente inibitore orale del recettore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare 2 ( VEGFR-2 ), MET, e AXL, ed è una terapia standard di seconda linea per il carcinoma a cellule renali metastatico ( mRCC ).

Uno studio multicentrico randomizzato di fase II ha valutato Cabozantinib rispetto a Sunitinib ( Sutent ) come terapia di prima linea nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico.

I pazienti ammissibili presentavano carcinoma a cellule chiare metastatico, non-trattato, ed ECOG performance status da 0 a 2, ed erano a rischio intermedio o alto per i criteri IMDC ( International Metastatic Renal Cell Carcinoma Database Consortium ).
I pazienti sono stati assegnati casualmente a Cabozantinib ( 60 mg una volta al giorno ) oppure a Sunitinib ( 50 mg una volta al giorno; 4 settimane ON, 2 settimane OFF ).

La sopravvivenza senza progressione ( PFS ) era l’endpoint primario. Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), la sopravvivenza globale e la sicurezza erano gli endpoint secondari.

Dal 2013 al 2015 sono stati assegnati a caso 157 pazienti ( Cabozantinib, n=79; Sunitinib, n=78 ).

Rispetto a Sunitinib, il trattamento con Cabozantinib ha significativamente aumentato la sopravvivenza mediana libera da progressione ( 8.2 vs 5.6 mesi ) ed era associato a una riduzione del 34% del tasso di progressione o di morte ( hazard ratio aggiustato, HR=0.66 ).

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 46% per Cabozantinib contro il 18% per Sunitinib.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 per tutte le causalità sono stati 67% per Cabozantinib e 68% per Sunitinib e hanno compreso diarrea ( Cabozantinib 10% vs Sunitinib 11% ), stanchezza ( 6% vs 15% ), ipertensione ( 28% vs 22% ), eritrodisestesia palmare-plantare ( 8% vs 4% ) ed eventi avversi ematologici ( 3% vs 22% ).

In conclusione, Cabozantinib ha dimostrato un significativo beneficio clinico nella sopravvivenza libera da progressione e nel tasso di risposta obiettiva, rispetto allo standard di cura Sunitinib, come terapia di prima linea nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico a rischio intermedio o alto rischio. ( Xagena2017 )

Knight KR et al, J Clin Oncol 2017; 35: 591-597

Uro2017 Nefro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro