Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Controversies in Genitourinary Tumors
Tumore prostata

Cancro alla prostata: la terapia di deprivazione androgenica può aumentare il rischio di demenza


Uno studio osservazionale ha trovato che la terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) può aumentare il rischio di demenza negli uomini con tumore alla prostata.

La terapia di deprivazione androgenica è comunemente utilizzata nel trattamento del carcinoma prostatico, ma è associata a rischio di gravi eventi avversi.
Recenti ricerche hanno collegato la terapia di deprivazione androgenica con un aumento del rischio di disfunzione neurocognitiva, tra cui la malattia di Alzheimer.

Era noto che i bassi livelli di testosterone fossero associati a deficit cognitivo, ma non c’erano dati riguardo alla terapia di deprivazione androgenica.

Sono stati esaminati i dati dal sistema sanitario della Stanford University ( Stati Uniti ) e sono stati identificati gli uomini con diagnosi di cancro alla prostata tra il 1994 e il 2013.
Inoltre sono state identificate le strategie terapeutiche adottate dopo la diagnosi di carcinoma alla prostata, tra cui la somministrazione di terapia di deprivazione androgenica.
Sono stati identificati anche i casi di nuova insorgenza di demenza.

Tra gli uomini che hanno ricevuto terapia di deprivazione androgenica, la diagnosi di demenza incidente è stata accertata dopo il trattamento con terapia ADT e almeno 180 giorni dopo la diagnosi iniziale.

Sono stati identificati 9.455 uomini con carcinoma della prostata. 183 uomini avevano avuto in precedenza una diagnosi di demenza, e sono stati esclusi.
La coorte finale ha incluso i dati di 9.272 uomini ( età media 66.9 ), di cui il 19.7% ( n=1.826 ) aveva ricevuto terapia di deprivazione androgenica.

I pazienti che hanno ricevuto terapia ADT tendevano a essere più anziani ( media, 69.9 versus 66.2; P inferiore a 0.001 ), di razza non-bianca ( P inferiore a 0.001 ), e di essere stati fumatori ( P inferiore a 0.001 ).
Questi pazienti avevano inoltre una storia di precedente malattia cardiovascolare, diabete mellito o di tumori maligni ( P inferiore a 0.001 per tutti ).

Il periodo di follow-up è stato di 3.4 anni ( range interquartile, 1-7.2 ).

I ricercatori hanno osservato 314 nuove diagnosi di demenza nella coorte. Il tempo mediano alla diagnosi era di 4 anni ( IQR, 1.8-7.9 ).

Gli uomini che avevano ricevuto terapia di deprivazione androgenica avevano un rischio significativamente più elevato di sviluppare demenza ( hazard ratio, HR=2.17; IC 95%, 1.58-2.99 ).
Questa relazione persisteva dopo l'esclusione dei pazienti con malattia di Alzheimer ( HR=2.32; IC 95%, 1.72-3.12 ) e dei pazienti con diagnosi di demenza entro i primi 2 anni di follow-up ( HR=2.39; IC 95%, 1.78-3.21 ).
L'aumento del rischio di demenza è rimasto significativo anche dopo che sono stati esclusi i pazienti che avevano ricevuto chemioterapia ( HR=2.35; IC 95%, 1.82-3.03 ).

La terapia di deprivazione androgenica ha prodotto un aumento del rischio assoluto del 4.4% di demenza a 5 anni ( 7.9% per gli uomini trattati con ADT versus 3.5% per gli uomini che non avevano ricevuto questa terapia ).

L'incremento maggiore del rischio si è verificato tra gli uomini che avevano ricevuto ADT per almeno 12 mesi ( HR=2.36; IC 95%, 1.64-3.38 ).

L'analisi per categorie di età ha trovato che gli uomini di 70 anni d’età o più giovani che avevano ricevuto la terapia di deprivazione androgenica avevano una minore probabilità cumulativa di rimanere liberi da demenza rispetto agli uomini della stessa età che non avevano ricevuto terapia ADT ( log-rank P=0.02 ).
Risultati simili sono stati osservati tra gli uomini di 70 anni o età superiore ( log-rank P inferiore a 0.001 ).
Lo studio presenta limitazioni, ad esempio l’esame delle cartelle cliniche elettroniche. Inoltre, il disegno osservazionale dello studio, ha impedito di stabilire un nesso causale definitivo tra terapia di deprivazione androgenica e rischio di demenza. ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA Oncology, 2016

Onco2016 Uro2016 Farma2016


Indietro