Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Controversies in Genitourinary Tumors
Melanome
ForumOncologico

Ceritinib come prima linea versus chemioterapia a base di Platino nel cancro polmonare non-a-piccole cellule ALK-riarrangiato in fase avanzata


Non è nota l'efficacia di Ceritinib ( Zykadia ) nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) ALK-riarrangiato, non-trattato.
E' stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Ceritinib rispetto alla chemioterapia a base di Platino in questi pazienti.

È stato eseguito uno studio randomizzato in aperto di fase 3 in pazienti non-trattati con tumore NSCLC con riarrangiamento ALK, in stadio IIIB/IV, non-squamoso in 134 Centri in 28 Paesi
I pazienti ammissibili sono stati assegnati alla chemioterapia orale con Ceritinib 750 mg/die o alla chemioterapia a base di Platino ( Cisplatino 75 mg/m2 o Carboplatino AUC 5-6 più Pemetrexed 500 mg/m2 ogni 3 settimane per 4 cicli seguiti da Pemetrexed di mantenimento ); la randomizzazione è stata stratificata per World Health Organization performance status ( 0 vs1-2 ), precedente chemioterapia neoadiuvante o adiuvante, e presenza di metastasi del cervello allo screening.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione su tutti i pazienti assegnati in modo casuale ( insieme completo di analisi ).
Le analisi di efficacia sono state effettuate sulla base dell'insieme completo di analisi.
Tutte le analisi di sicurezza sono state effettuate sulla base del set di sicurezza, che ha compreso tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2013 e il 2015 sono stati assegnati casualmente 376 pazienti a Ceritinib ( n=189 ) o alla chemioterapia ( n=187 ).

La sopravvivenza mediana senza progressione è stata di 16.6 mesi nel gruppo Ceritinib e 8 mesi nel gruppo chemioterapia ( hazard ratio, HR=0.55; P minore di 0.00001 ).

Gli eventi avversi più comuni sono stati diarrea ( 160 su 189 pazienti, 85% ), nausea ( 130, 69% ), vomito ( 125, 66% ) e aumento della alanina aminotransferasi [ ALT ] ( 114, 60% ) nel gruppo Ceritinib e nausea ( 97 su 175 pazienti, 55% ), vomito ( 63, 36% ) e anemia ( 62, 35% ) nel gruppo chemioterapia.

Ceritinib in prima linea ha prodotto un miglioramento statisticamente e clinicamente significativo nella sopravvivenza senza progressione rispetto alla chemioterapia nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK-riarrangiato, in fase avanzata. ( Xagena2017 )

Soria JC et al, Lancet 2017; 389: 917-929

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro