Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario
OncoGinecologia

Dabrafenib più Trametinib versus Dabrafenib in monoterapia nei pazienti con melanoma metastatico con mutazione BRAF V600E/K


L'analisi precedente di COMBI-d ha dimostrato una migliore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ) con la combinazione di Dabrafenib ( Tafinlar ) e Trametinib ( Mekinist ) rispetto alla monoterapia con Dabrafenib nel melanoma metastatico con mutazione BRAF V600E/K.
Lo studio è stato continuato per valutare l'efficacia e la sicurezza a 3 anni dopo un follow-up di 36 mesi o superiore per tutti i pazienti vivi.

Lo studio in doppio cieco, di fase 3, ha arruolato pazienti non-trattati precedentemente con melanoma con mutazione BRAF V600E/K non-resecabile in stadio IIIC o IV.
I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Dabrafenib ( 150 mg due volte al giorno ) più Trametinib ( 2 mg una volta al giorno ) o Dabrafenib più placebo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione; gli endpoint secondari erano la sopravvivenza globale, la risposta globale, la durata della risposta, la sicurezza e la farmacocinetica.

Nel 2012, 423 pazienti selezionati sono stati randomizzati per ricevere Dabrafenib più Trametinib ( n=211 ) oppure Dabrafenib in monoterapia ( n=212 ).

Al cut-off dei dati, i risultati sono rimasti superiori con la combinazione: la sopravvivenza libera da progressione a 3 anni è stata del 22% con Dabrafenib più Trametinib rispetto al 12% con la monoterapia, e la sopravvivenza globale a 3 anni è stata del 44% rispetto al 32%, rispettivamente.

25 pazienti trattati con la monoterapia sono passati alla terapia di combinazione, con follow-up continuato nel braccio monoterapico.
Tra i pazienti nel braccio di combinazione vivi a 3 anni, il 58% è rimasto in trattamento con Dabrafenib più Trametinib.

La sopravvivenza globale a 3 anni con la combinazione ha raggiunto il 62% nel sottogruppo più favorevole ( lattato deidrogenasi normale e meno di 3 siti di organo con metastasi ) rispetto al solo 25% nel sottogruppo sfavorevole ( elevata lattato deidrogenasi ).
Il profilo di sicurezza di Dabrafenib più Trametinib è stato coerente con le precedenti osservazioni di studi clinici, e nessun nuovo segnale di sicurezza è stato rilevato con l’uso a lungo termine.

In conclusione, i dati hanno dimostrato che una sopravvivenza duratura ( 3 anni o superiore ) è raggiungibile con Dabrafenib più Trametinib nei pazienti con melanoma metastatico con mutazione BRAF V600, e supportano l'uso a lungo termine in prima linea della combinazione in questo ambito. ( Xagena2017 )

Long GV et al, Ann Oncol 2017; 28: 1631-1639

Dermo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro