Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Controversies in Genitourinary Tumors
Tumori testa-collo
Tumore polmone

Effetto di Fluorouracile, Leucovorina e Oxaliplatino con o senza Onartuzumab nell’adenocarcinoma gastroesofageo HER2-negativo, MET-positivo: studio METGastric


La disregolazione della via di segnalazione della transizione mesenchimale-epiteliale ( MET ) è associata a prognosi infausta nell’adenocarcinoma gastroesofageo.

Sono stati riportati i risultati di METGastric, uno studio di fase 3 dell’inibitore MET Onartuzumab in combinazione con la chemioterapia di prima linea standard per adenocarcinoma gastroesofageo negativo al recettore 2 del fattore di crescita dell'epidermide umano ( HER2 ), MET-positivo, avanzato.

Si è determinato se l'aggiunta di Onartuzumab alla prima linea con Fluorouracile, Leucovorina e Oxaliplatino ( mFOLFOX6 ) migliori l'efficacia rispetto a mFOLFOX6 più placebo nell'adenocarcinoma gastroesofageo HER2-negativo, MET-positivo in uno studio randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, condotto nel periodo compreso tra 2012 e 2014.

I pazienti avevano un'età a partire da 18 anni con adenocarcinoma dello stomaco o della giunzione gastroesofagea con malattia metastatica non-sensibili alla terapia curativa.

I campioni tumorali sono stati testati a livello centrale per l'espressione di MET utilizzando l’anticorpo monoclonale di coniglio Ventana anti-Total c-MET ( SP44 ), status di HER2, e sottotipo istologico Lauren.

I tumori sono stati definiti MET-positivi se avevano almeno il 50% delle cellule tumorali che mostravano intensità di colorazione debole, moderata e/o forte ( MET 1+ / 2+ / 3+, rispettivamente ) mediante immunoistochimica.

I pazienti con adenocarcinoma gastroesofageo HER2-negativo, MET-positivo sono stati randomizzati a ricevere mFOLFOX6 con o senza Onartuzumab ( 10 mg/kg ).

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza globale nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) e nei pazienti con adenocarcinoma gastroesofageo MET 2+ / 3+. 
Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), il tasso di risposta generale ( ORR ) e la sicurezza.

L'arruolamento è stato interrotto precocemente per decisione dello sponsor, concordata con un Comitato di monitoraggio dei dati.

Al cutoff dei dati nel 2014 c’erano 562 pazienti nella popolazione ITT ( n=283 con placebo più mFOLFOX6, età media, 58 anni; 65% di sesso maschile; n=279 con Onartuzumab più mFOLFOX6, età media, 60 anni; 67% maschi ); 109 ( 38.5% ) e 105 ( 37.6% ) soggetti della popolazione ITT erano MET 2+ / 3+, rispettivamente.

L'aggiunta di Onartuzumab a mFOLFOX6 non ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da progressione o il tasso di risposta obiettiva rispetto a placebo più mFOLFOX6 nella popolazione ITT ( sopravvivenza generale [ OS ]: hazard ratio, HR=0.82; P=0.24; sopravvivenza libera da progressione [ PFS ]: HR=0.90; P=0.43; tasso di risposta obiettiva [ ORR ]:, 46.1% vs 40.6% ) o nella popolazioni MET 2+ / 3+ ( OS HR, 0.64; P=0.06; PFS HR, 0.79; P=0.22; ORR, 53.8% vs 44.6% ).

La sicurezza era come prevista per Onartuzumab.

In conclusione, l'aggiunta di Onartuzumab a mFOLFOX6 di prima linea non ha migliorato in modo significativo i benefici clinici delle popolazioni ITT o MET 2+ / 3+. ( Xagena2017 )

Shah MA et al, JAMA Oncol 2017; 3: 620-627

Onco2017 Gastro2017 Farma2017


Indietro