OncoGinecologia.net
Ematologia.net
Gastroenterologia.net

Esiti dopo radioterapia stereotassica corporea o ablazione a radiofrequenza per carcinoma epatocellulare


I dati che guidano la selezione del trattamento non-chirurgico del carcinoma epatocellulare ( HCC ) sono scarsi.
Sono stati confrontati gli esiti tra radioterapia stereotassica corporea ( SBRT ) e ablazione con radiofrequenza ( RFA ) per il carcinoma epatocellulare.

Dal 2004 al 2012, 224 pazienti con epatocarcinoma inoperabile non-metastatico sono stati sottoposti ad ablazione con radiofrequenza ( n=161 ) per 249 tumori o sono stati sottoposti a radioterapia stereotassica corporea immagine-guidata ( n=63 ) per 83 tumori.

Sono state analizzate in modo retrospettivo la libertà da progressione locale ( FFLP ) e la tossicità.

I gruppi RFA e SBRT erano simili per quanto riguardava il numero di lesioni trattate per paziente, il tipo di malattia epatica di base e le dimensioni del tumore ( mediana, 1.8 vs 2.2 cm di diametro massimo; P=0.14 ).

Tuttavia, il gruppo SBRT ha presentato punteggi inferiori di Child-Pugh pre-trattamento ( P=0.003 ), superiori livelli di alfa-fetoproteina pre-trattamento ( P=0.04 ) e un maggior numero di precedenti trattamenti diretti al fegato ( P minore di 0.001 ).

La libertà da progressione locale a 1 e 2 anni per i tumori trattati con ablazione con radiofrequenza è stata pari a 83.6% e 80.2% versus 97.4% e 83.8% per radioterapia stereotassica corporea.

L’aumento delle dimensioni del tumore ha predetto la libertà da progressione locale nei pazienti trattati con ablazione con radiofrequenza ( hazard ratio, HR=1.54 per cm; P=0.006 ), ma non con radioterapia stereotassica corporea ( HR=1.21 per cm; P=0.617 ).

Per i tumori di 2 cm o più, è stata riscontrata una diminuita libertà da progressione locale per l’ablazione con radiofrequenza rispetto a radioterapia stereotassica corporea ( HR03.35; P=0.025 ).

Complicanze acute di grado 3+ si sono verificate con una incidenza dell’11% e del 5% dei trattamenti, rispettivamente, ablazione con radiofrequenza e radioterapia stereotassica corporea ( P=0.31 ).

La sopravvivenza globale a 1 e 2 anni dopo il trattamento è stata del 70% e del 53% dopo ablazione con radiofrequenza e del 74% e 46% dopo radioterapia stereotassica corporea.

In conclusione, sia l’ablazione con radiofrequenza sia la radioterapia stereotassica corporea sono efficaci opzioni di trattamento locali per lì epatocarcinoma inoperabile.
Anche se questi dati sono retrospettivi, la radioterapia stereotassica corporea sembra essere un ragionevole trattamento di prima linea per il carcinoma epatocellulare di grandi dimensioni e inoperabile. ( Xagena2016 )

Wahl DR et al, J Clin Oncol 2016; 34: 452-459

Onco2016 Gastro2016



Indietro