Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Tumore prostata
ForumOncologico

Melanoma con mutazione BRAF V600, Dabrafenib più Trametinib nei pazienti con metastasi cerebrali: studio COMBI-MB


Dabrafenib ( Tafinlar ) più Trametinib ( Mekinist ) migliora gli esiti clinici di melanoma metastatico con mutazione BRAF V600 senza metastasi cerebrali; tuttavia, l'attività di Dabrafenib e Trametinib non è stata studiata nelle metastasi al cervello attive, originate dal melanoma.
Sono stati riportati i risultati dello studio di fase 2 COMBI-MB.
L’obiettivo era quello di costruire l'attuale corpo di evidenze sulla terapia mirata nelle metastasi del cervello del melanoma attraverso una valutazione di Dabrafenib più Trametinib nei pazienti con metastasi cerebrali da melanoma BRAF-V600-mutato.

Questo studio di fase 2, multicentrico, multi-coorte, in aperto, ha valutato Dabrafenib orale ( 150 mg 2 volte al giorno ) e Trametinib orale ( 2 mg una volta al giorno ) in quattro gruppi di pazienti con metastasi al cervello di origine melanomatosa, arruolati da 32 ospedali e centri in Europa , America del Nord e Australia: (A) metastasi al cervello da melanoma BRAF V600-positivo, con malattia asintomatica, senza alcuna precedente terapia cerebrale locale e ECOG performance status di 0 o 1; (B) metastasi cerebrali da melanoma BRAF V660-positivo, asintomatiche, con precedente terapia cerebrale locale e ECOG performance status di 0 o 1; (C) metastasi cerebrali da melanoma BRAF V600/D/K/R-positivo, asintomatiche, con o senza terapia cerebrale locale precedente ed ECOG performance status di 0 o 1; (D) metastasi sintomatiche a livello cerebrale da melanoma BRAF V600/D/E/K/R-positivo, con o senza precedente terapia cerebrale locale ed ECOG performance status di 0, 1 o 2.

L'endpoint primario era la risposta intracranica nella coorte A nella popolazione comprensiva di tutti i pazienti trattati.
Gli endpoint secondari hanno incluso la risposta intracranica nelle coorti B, C e D.

Tra il 2014 e il 2016, sono stati arruolati nello studio 125 pazienti: 76 pazienti nella coorte A; 16 pazienti nella coorte B; 16 pazienti nella coorte C; e 17 pazienti nella coorte D.

Al cutoff dei dati, dopo un follow-up mediano di 8.5 mesi, 44 pazienti su 76 ( 58% ) nella coorte A hanno ottenuto una risposta intracranica.

La risposta intracranica è stata ottenuta anche in 9 pazienti su 16 ( 56% ) nella coorte B, 7 su 16 pazienti ( 44% ) nella coorte C, e 10 pazienti su 17 ( 59% ) nella coorte D.

Gli eventi avversi più gravi correlati al trattamento dello studio erano: piressia per Dabrafenib ( 8 su 125 pazienti, 6% ) e una diminuita frazione di eiezione ( 5, 4% ) per Trametinib.
I più comuni eventi avversi di grado 3 o peggiore, indipendentemente dal rapporto con il farmaco dello studio, sono stati: piressia ( 4 su 125, 3% ) e mal di testa ( 3, 2% ).

La combinazione Dabrafenib e Trametinib è risultata attiva con un profilo di sicurezza gestibile in questa popolazione con melanoma, coerentemente con i precedenti studi di Dabrafenib più Trametinib nei pazienti con melanoma BRAF V600-mutato senza metastasi al cervello, ma la durata mediana della risposta è stata relativamente breve.

Questi risultati hanno fornito evidenza di benefici clinici con Dabrafenib e Trametinib e sostengono la necessità di ulteriori ricerche per migliorare ulteriormente gli esiti nei pazienti con metastasi cerebrali da melanoma. ( Xagena2017 )

Davies MA et al, Lancet Oncology 2017; 18: 863-873

Onco2017 Dermo2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro