Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
OncoGinecologia
Tumore polmone

Nivolumab nel carcinoma uroteliale metastatico dopo terapia con Platino: studio CheckMate 275


I pazienti con carcinoma uroteliale metastatico hanno una prognosi infausta e poche opzioni di trattamento dopo la chemioterapia di prima linea. 
Le risposte al trattamento di seconda linea sono rare.

È stato valutato Nivolumab ( Opdivo ), un anticorpo IgG4 interamente umano, inibitore del checkpoint immunitario PD-1, per la sicurezza e l'attività in pazienti con carcinoma uroteliale metastatico o chirurgicamente non-resecabile, la cui malattia ha progredito o recidivato nonostante un precedente trattamento con almeno un regime chemioterapico a base di Platino.

In questo studio multicentrico, di fase 2, a braccio singolo, i pazienti di età a partire da 18 anni con carcinoma uroteliale metastatico o non-resecabile chirurgicamente localmente avanzato, malattia misurabile ( secondo i criteri RECIST versione 1.1 ), performance status ECOG di 0 o 1 e campioni tumorali disponibili per l'analisi dei biomarker hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane fino a progressione della malattia e deterioramento clinico, tossicità inaccettabile, o altri motivi definiti dal protocollo.

L'endpoint primario era la risposta obiettiva generale confermata da una revisione indipendente in cieco in tutti i pazienti trattati e dall’espressione del tumore di PD-L1 ( 5% o superiore e 1% o superiore ).

Nel 2015, 270 pazienti provenienti da 63 siti di 11 Paesi hanno ricevuto Nivolumab e 265 sono stati valutati per l'attività.

Il follow-up per la sopravvivenza globale è stato di 7.00 mesi.

Una risposta oggettiva confermata è stata ottenuta in 52 su 265 pazienti ( 19.6% ).

Una risposta oggettiva confermata è stata ottenuta in 23 su 81 pazienti ( 28.4% ) con espressione PD-L1 del 5% o superiore, 29 su 122 pazienti ( 23.8% ) con espressione di PD-L1 dell’1% o superiore e 23 su 143 pazienti ( 16.1% ) con espressione di PD-L1 inferiore all'1%.

Eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento si sono verificati in 48 ( 18% ) dei 270 pazienti, più comunemente affaticamento di grado 3 e diarrea, entrambi in 5 pazienti. 
Tre decessi sono stati attribuiti al trattamento ( polmonite, insufficienza respiratoria acuta e insufficienza cardiovascolare ).

La monoterapia con Nivolumab ha fornito un significativo beneficio clinico, indipendentemente dall’espressione di PD-L1, ed è stata associata a un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti trattati in precedenza con carcinoma uroteliale metastatico o non-resecabile chirurgicamente. ( Xagena2017 )

Sharma P et al, Lancet Oncology 2017; 18: 312-322

Onco2017 Uro2017 Farma2017


Indietro