Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Tumore Vescia
OncoGeriatria

Pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con espressione PD-L1 trattati in precedenza: Pembrolizumab, un immunoterapico, migliora la sopravvivenza rispetto a Docetaxel, un chemioterapico


I risultati dello studio KEYNOTE-010, il primo studio che ha valutato il potenziale di una immunoterapia basata sulla espressione PD-L1, rispetto alla chemioterapia, in pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) sono stati presentati durante il Congresso ESMO Asia 2015.
Nello studio di fase 2/3, Keytruda ( Pembrolizumab ), un farmaco anti-PD-1, ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale rispetto alla chemioterapia nei pazienti con qualsiasi livello di espressione PD-L1, definito da un punteggio TPS ( tumor proportion score ) pari o superiore all’1%.
I risultati sono stati pubblicati su The Lancet.

La fase di studio 2/3 KEYNOTE-010 ha coinvolto 1.034 pazienti con tumore NSCLC avanzato con espressione di PD-L1 ( TPS pari o superiore a 1% ).
Risultati simili sono stati riportati per i pazienti che hanno ricevuto la dose di Pembrolizumab approvata dalla FDA ( Agenzia regolatoria degli Stati Uniti ) ( 2 mg/kg ogni tre settimane ) ( n=345 ) e una dose sperimentake di Pembrolizumab ( 10 mg/kg ogni tre settimane ) ( n=346 ).
Entrambi i gruppi di pazienti che sono stati trattati con Pembrolizumab sono stati confrontati con i pazienti che avevano ricevuto Docetaxel [ Taxotere ] ( n=343 ).
L’espressione PD-L1 è stata valutata mediante il test immunoistochimico PD-L1 IHC 22C3 PharmDx, realizzato da Dako Nord America.

I risultati di KEYNOTE-010 si basano sull'analisi finale dello studio. Il follow-up mediano è stato di 13.1 mesi ( IQR, 8.6-17.7 ).

Nella popolazione totale ( tutti i livelli di espressione PD-L1 ), entrambe le dosi di Pembrolizumab studiate hanno migliorato significativamente la sopravvivenza globale rispetto a Docetaxel.
In particolare, Pembrolizumab ha prodotto un miglioramento del 29% nella sopravvivenza globale ( OS ) per la dose di 2 mg/kg ( hazard ratio, HR = 0.71, P = 0.0008; IC 95%, 0.58-0.88 ) e un miglioramento del 39% nella sopravvivenza globale per la dose di 10 mg/kg ( HR = 0.61, P inferiore a 0,0001; IC 95%, 0.49-0.75 ), rispetto a Docetaxel.
I tassi stimati di sopravvivenza globale a 1 anno per Pembrolizumab sono stati, rispettivamente, pari a 43.2% e 52.3%, contro 34.6% per Docetaxel.
La sopravvivenza generale mediana per Pembrolizumab è stata pari, rispettivamente, a 10.4 mesi ( IC 95%, 9.4-11.9 ) e 12.7 mesi ( IC 95%, 10.0-17.3 ), contro 8.5 mesi per Docetaxel (95% CI, 7,5-9,8).

Tra i pazienti con alti livelli di espressione PD-L1 ( punteggio TPS uguale o superiore a 50% ), la sopravvivenza globale è risultata maggiore per entrambi i dosaggi di Pembrolizumab rispetto a Docetaxel.
In particolare, Pembrolizumab ha migliorato la sopravvivenza globale del 46% per la dose 2 mg/kg ( HR = 0.54, P = 0.0002; IC 95%, 0.38-0.77 ), e del 50% per la dose di 10 mg/kg ( HR = 0.50, P inferiore a 0.0001; IC 95%, 0.36-0.70 ), rispetto a Docetaxel.
La sopravvivenza mediana globale per Pembrolizumab ( 2 mg/kg e 10 mg/kg ), è stata, rispettivamente, pari a 14.9 mesi ( IC 95%, da 10.4 a non-raggiunta ) e a 17.3 mesi ( IC 95%, 11.8 mesi a non-raggiunta ), contro 8.2 mesi per Docetaxel ( IC 95%, 6.4-10.7 ).

Nella popolazione totale dello studio, Pembrolizumab ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione a entrambe le dosi, anche se la significatività statistica non è stata raggiunta ( HR = 0.88 [ IC 95%, 0.74-1.05 ], p = 0.07 per la dose di 2 mg/kg; HR = 0.79 [ IC 95%, 0.66-0.94 ], P = 0.004 per la dose di 10 mg/kg ).
Tra i pazienti trattati con Pembrolizumab ( 2 mg/kg e 10 mg/kg, rispettivamente ), la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 3.9 mesi ( IC 95%, 3.1-4.1 ) e 4.0 mesi ( IC 95%, 2.7-4.3 ) contro 4.0 mesi per Docetaxel ( IC 95%, 3.1-4.2 ).

I pazienti con livelli più elevati di espressione PD-L1 ( punteggio TPS uguale o superiore a 50% ) che erano stati trattati con Pembrolizumab hanno prolungato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Docetaxel ( HR = 0.59 [ IC 95%, 0.44-0.78, p = 0.0001 ] per la dose di 2 mg/kg; HR = 0.59 [ IC 95%, 0.45-0.78, P inferiore a 0.0001 ] per 10 mg/kg ).
Tra i pazienti trattati con Pembrolizumab ( 2 mg/kg e 10 mg/kg, rispettivamente ), la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 5.0 mesi ( IC 95%, 4.0-6.5 ) e 5.2 mesi ( IC 95%, 4.1-8.1 ) rispetto a 4.1 mesi per Docetaxel ( IC 95%, 3.6-4.3 ).

Inoltre, la sicurezza di Pembrolizumab è risultata in linea con quanto già visto in precedenti studi clinici tra i pazienti affetti da cancro del polmone in fase avanzata.
Gli eventi avversi di grado 3-5 correlati al trattamento con Pembrolizumab ( 2 mg/kg e 10 mg/kg, rispettivamente ) sono stati: diminuzione dell'appetito ( n = 3, n = 1 ), affaticamento ( n = 4, n = 6 ), nausea ( n = 1, n = 2 ), rash ( n = 1, n = 1 ), diarrea ( n = 2, n = 0 ), astenia ( n = 1, n = 2 ), stomatite ( n = 0, n = 1 ), e anemia ( n = 3, n = 1 ).
I più comuni eventi avversi immunomediati per Pembrolizumab ( 2 mg/kg e 10 mg/kg, rispettivamente ) sono stati: ipotiroidismo ( 8% [ n = 28 ], 8% [ n = 28 ] ), ipertiroidismo ( 4% [ n = 12 ], 6% [ n = 20 ] ), e infiammazione polmonare ( 5% [ n = 16 ], 4% [ n = 15 ] ).
Ci sono stati tre decessi correlati al trattamento tra i pazienti trattati con Pembrolizumab al dosaggio di 2 mg/kg ( infiammazione polmonare [ n = 2 ], polmonite di origine infettiva [ n = 1 ] ) e tre decessi correlati al trattamento tra i pazienti trattati con Pembrolizumab alla dose di 10 mg/kg ( infarto del miocardio [ n = 1 ], polmonite di origine infettiva [ n = 1 ], e infiammazione polmonare [ n = 1 ] ). ( Xagena2015 )

Fonte: Merck & Co, 2015

Pneumo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro