Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Tumore Ovaie
Melanome

Radio-223 e terapie concomitanti nei pazienti con carcinoma alla prostata resistente alla castrazione metastatico


Nello studio ALSYMPCA in pazienti con cancro alla prostata resistente alla castrazione e metastasi ossee sintomatiche, la sopravvivenza globale è stata significativamente più lunga nei pazienti trattati con Radio-223 dicloruro ( Radio-223; Xofigo ) rispetto ai pazienti trattati con placebo.
In questo studio sono state esaminate la sicurezza e la sopravvivenza globale nei pazienti trattati con Radio-223 in un programma di accesso precoce fatto dopo lo studio ALSYMPCA e prima dell'approvazione della regolamentazione di Radio-223.

Lo studio prospettico, interventistico, a braccio singolo, di fase 3b, ha arruolati pazienti di età a partire da 18 anni con tumore alla prostata istologicamente o citologicamente confermato progressivo metastatico predominante nell’osso e resistente alla castrazione con due o più metastasi scheletriche all’imaging ( senza alcuna restrizione sul fatto che fossero sintomatici o asintomatici; sono stati ammessi pazienti senza malattia viscerale ma con metastasi linfonodali ).

I pazienti hanno ricevuto iniezioni endovenose di Radio-223, 50 kBq/kg ( raccomandazione attuale 55 kBq/kg dopo realizzazione dell’aggiornamento National Institute of Standards and Technology nel 2016 ) ogni 4 settimane per un massimo di 6 iniezioni.
Altre terapie antitumorali concomitanti sono state autorizzate.

Gli endpoint primari erano la sicurezza e la sopravvivenza globale. Le analisi di sicurezza e di efficacia sono state fatte su tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Lo studio è stato completato; qui è stata riportata l’ultima analisi.

Tra il 2012 e il 2013, sono stati arruolati 839 pazienti da 113 Centri in 14 Paesi.

696 pazienti hanno ricevuto una o più dosi di Radio-223; 403 ( 58% ) di questi pazienti hanno ricevuto tutte e 6 le iniezioni pianificate.

Si sono verificati eventi avversi di qualsiasi grado emergenti dal trattamento in 523 ( 75% ) pazienti su 696; eventi avversi di qualsiasi grado emergenti dal trattamento considerati legati al trattamento sono stati segnalati in 281 ( 40% ) pazienti.

I più comuni eventi avversi di grado 3 o peggiore emergenti dal trattamento correlati al trattamento sono stati anemia in 32 ( 5% ) pazienti, trombocitopenia in 15 ( 2% ) pazienti, neutropenia in 10 ( 1% ) pazienti e leucopenia in 9 ( 1% ) pazienti.
Eventi avversi gravi di qualsiasi grado sono stati riportati in 243 ( 35% ) pazienti.

Il follow-up mediano è stato di 7.5 mesi e sono stati riportati 210 decessi; la sopravvivenza globale mediana è stata di 16 mesi.

In un'analisi esplorativa di sopravvivenza globale con fattori predefiniti, la sopravvivenza mediana globale è stata più lunga per: pazienti con concentrazione di base della fosfatasi alcalina inferiore al limite superiore del valore normale ( ULN; mediana non-disponibile, 95% CI 16 mesi - non-disponibile ) rispetto ai pazienti con una concentrazione di fosfatasi alcalina pari o superiore a ULN ( mediana 12 mesi ); pazienti con livelli di emoglobina al basale di 10 g/dl o superiore ( mediana 17 mesi, 14 – non-disponibile ) rispetto ai pazienti con livelli di emoglobina inferiore a 10 g/dl ( mediana 10 mesi, 8-14 ); pazienti con un ECOG performance status basale pari a 0 ( mediana non-disponibile, 17 mesi – non-disponibile ) rispetto ai pazienti con un ECOG PS di 1 ( mediana 13 mesi, 11 – non-disponibile ) o un ECOG PS di 2 e oltre ( mediana 7 mesi, 5-11 ); pazienti con nessun dolore basale riferito ( mediana non-disponibile, 16 mesi – non-disponibile ) rispetto a quelli con dolore lieve ( mediana 14 mesi, 13 – non-disponibile ) o dolore moderato-grave ( mediana 11 mesi, 9-13 ).

La sopravvivenza mediana globale è stata più lunga anche nei pazienti che hanno ricevuto il Radio-223 più Abiraterone, Enzalutamide, o entrambi ( mediana non-disponibile, IC 95%, 16 mesi - non-disponibile ) rispetto a quelli che non hanno ricevuto questi farmaci ( mediana 13 mesi ), e nei pazienti che hanno ricevuto il Radio-223 più Denosumab ( mediana non-disponibile, 15 mesi – non-disponibile ) rispetto ai pazienti che hanno ricevuto il Radio-223 senza Denosumab ( mediana 13 mesi, 12 – non-disponibile ).

I dati hanno mostrato che il Radio-223 può essere combinato in sicurezza con Abiraterone ( Zytiga ) o Enzalutamide ( Xtandi ), che ora sono entrambi parte dello standard di cura per i pazienti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione.
Inoltre, i risultati si estendono ai pazienti asintomatici al basale, a differenza di quelli arruolati nello studio cardine ALSYMPCA.
I risultati di sopravvivenza prolungata nei pazienti trattati con concomitante Abiraterone, Enzalutamide, o Denosumab richiedono una conferma in studi randomizzati prospettici. ( Xagena2016 )

Saad Fred et al, Lancet 2016; 17: 1306-1316

Onco2016 Uro2016 Med2016 Farma2016


Indietro