Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Tumore rene
ForumOncologico

Risultati promettenti per Dabrafenib più Trametinib nel tumore del polmone non-a-piccole cellule con mutazione BRAF V600E


I risultati di uno studio di fase 2 hanno mostrato che il trattamento combinato con Dabrafenib ( Tafinlar ) e Trametinib ( Mekinist ) produce attività antitumorale marcata, e risulta tollerabile e sicuro per i pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazione BRAF V600E.

Le mutazioni attivanti BRAF agiscono come un driver oncogenico alternativo nel carcinoma polmonare non-a piccole cellule.
Anche se le implicazioni prognostiche delle mutazioni BRAF V600E non sono ben definite, diversi studi hanno associato BRAF V600E a esiti non-favorevoli e a una più bassa percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta alla chemioterapia a base di Platino nei pazienti con tumore NSCLC rispetto ai pazienti con tumore NSCLC senza mutazioni di BRAF.

La duplice inibizione di BRAF e MEK ha portato a un miglioramento dei risultati nei pazienti con melanoma metastatico con mutazione BRAF V600E rispetto alla sola inibizione BRAF.

Lo studio in-aperto, non-randomizzato, ha valutato la sicurezza e l'efficacia della combinazione Dabrafenib e Trametinib nei pazienti con tumore NSCLC di fase IV e con mutazione BRAFV600E, pre-trattato.

Sono stati presi in esame i dati provenienti da 57 pazienti ( età media, 64 anni, range 58-71; 51% uomini ).
Tutti i pazienti avevano documentata progressione dopo chemioterapia a base di Platino con non più di tre precedenti terapie sistemiche antitumorali.

I pazienti hanno ricevuto 150 mg di Dabrafenib per os due volte al giorno e 2 mg di Trametinib per os una volta al giorno per cicli di 21 giorni.
Il trattamento è continuato fino a progressione, ritiro del consenso, tossicità inaccettabile o decesso.

Endpoint primario era il tasso di risposta globale valutato dai ricercatori.
I ricercatori hanno esaminato la sicurezza del trattamento, almeno una volta ogni 3 settimane.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) per 36 pazienti è stato pari al 63.2% ( IC 95%, 49.3-75.6 ).
Due pazienti ( 4% ) hanno raggiunto una risposta completa e 34 ( 60% ) hanno raggiunto una risposta parziale.
Nove pazienti ( 16% ) ha presentato una stabilizzazione della malattia, mentre sette pazienti ( 12% ) hanno avuto progressione della malattia.

Il tasso di controllo della malattia è stato pari a 78.9% ( IC 95%, 66.1-88.6 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 9.7 mesi ( IC 95%, 6.9-19.6 ), con una durata mediana della risposta di 9 mesi ( IC 95%, 6.9-18.3 ).

I dati di sopravvivenza globale erano immaturi al momento dell'analisi.
Tuttavia, l'82% ( n=47 ) dei pazienti era vivo a 6 mesi, con 23 decessi ( 40% ) registrati al momento dell’analisi dei dati.

La durata mediana del trattamento per entrambi i farmaci era 10.6 mesi ( range interquartile, 4.2-12.2 ), e 32 pazienti ( 56% ) hanno riportato eventi avversi gravi.

Gli eventi avversi osservati frequentemente comprendevano piressia ( n=9; 16% ), anemia ( n=3; 5% ), stato confuso ( n=2; 4% ), diminuzione dell'appetito ( n=2; 4% ), emottisi ( n=2; 4% ), ipercalcemia ( n=2; 4% ), nausea ( n=2; 4% ) e carcinoma cutaneo a cellule squamose ( n=4, 7% ).

Gli eventi avversi di grado 3 o maggiore includevano neutropenia ( n=5; 9% ), iponatriemia ( n=4; 7% ) e anemia ( n=3; 5% ).

Quattro pazienti sono morti durante il trattamento. I ricercatori hanno giudicato le cause di decesso non-correlate al trattamento. ( Xagena2016 )

Fonte: Lancet Oncology, 2016

Onco2016 Pneumo2016 Farma2016


Indietro