Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Controversies in Genitourinary Tumors
Tumore rene
Tumore prostata

Trattamento alternato con Pazopanib ed Everolimus versus Pazopanib continuo per ritardare la progressione della malattia nei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare metastatico: studio ROPETAR


È stato valutato un regime di trattamento alternato nel tentativo di ritardare la progressione della malattia nel carcinoma renale a cellule chiare.

Si è ipotizzato che un programma a rotazione di 8 settimane di trattamento con Pazopanib ( Votrient ) ed Everolimus ( Afinitor ) ritardi la progressione della malattia, mostri effetti tossici più favorevoli, e migliori la qualità di vita rispetto al trattamento continuo con Pazopanib.

Lo studio ROPETAR, in aperto, randomizzato, ha arruolato 101 pazienti con carcinoma renale a cellule chiare, progressivo, metastatico, naive al trattamento, tra il 2012 e il 2014 da 17 grandi ospedali periferici o accademici nei Paesi Bassi e li ha seguiti per almeno un anno.

Il trattamento di prima linea consisteva di un programma di 8 settimane di trattamento alternato di Pazopanib 800 mg/die ed Everolimus 10 mg/die ( braccio di rotazione ) o Pazopanib continuo 800 mg/die ( braccio di controllo ) fino alla progressione.

Dopo la progressione, i pazienti hanno effettuato una rotazione finale a Pazopanib o a Everolimus in monoterapia ( braccio di rotazione ) o hanno iniziato ad assumere Everolimus ( braccio di controllo ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza fino alla prima progressione o morte. Gli endpoint secondari comprendevano il tempo alla seconda progressione o morte, effetti tossici e qualità di vita.

In totale 52 pazienti sono stati randomizzati al braccio di rotazione ( età mediana, 65 anni ) e 49 pazienti al braccio di controllo ( età mediana, 67 anni ).
La categoria di rischio Memorial Sloan Kettering Cancer Center era favorevole nel 26% dei pazienti, intermedia nel 58%, e sfavorevole nel 15%.
Le caratteristiche basali e le categorie di rischio sono state ben bilanciate tra i bracci.

La sopravvivenza alla prima progressione o decesso a 1 anno per il trattamento di rotazione è stata del 45% e del 32% per Pazopanib ( controllo ).

Il tempo mediano fino alla prima progressione o morte per il trattamento di rotazione è stato di 7.4 mesi e 9.4 mesi per Pazopanib ( controllo ) ( P=0.37 ).

Mucosite, anoressia e vertigini erano prevalenti nel braccio di rotazione durante il trattamento di prima linea.

Non è stata osservata alcuna differenza nella qualità della vita.

In conclusione, il trattamento di rotazione non ha comportato una prolungata sopravvivenza libera da progressione, un minor numero di effetti tossici, o un miglioramento della qualità di vita.
Il trattamento di prima linea con un inibitore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare rimane l'approccio ottimale nel carcinoma renale a cellule chiare metastatico. ( Xagena2017 )

Cirkel GA et al, JAMA Oncol 2017; 3: 501-508

Onco2017 Uro2017 Nefro2017 Farma2017


Indietro