Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Tumore rene
Tumori GenitoUrinari

Trattamento alternato con Pazopanib ed Everolimus versus Pazopanib continuo per ritardare la progressione della malattia nei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare metastatico: studio ROPETAR


È stato valutato un regime di trattamento alternato nel tentativo di ritardare la progressione della malattia nel carcinoma renale a cellule chiare.

Si è ipotizzato che un programma a rotazione di 8 settimane di trattamento con Pazopanib ( Votrient ) ed Everolimus ( Afinitor ) ritardi la progressione della malattia, mostri effetti tossici più favorevoli, e migliori la qualità di vita rispetto al trattamento continuo con Pazopanib.

Lo studio ROPETAR, in aperto, randomizzato, ha arruolato 101 pazienti con carcinoma renale a cellule chiare, progressivo, metastatico, naive al trattamento, tra il 2012 e il 2014 da 17 grandi ospedali periferici o accademici nei Paesi Bassi e li ha seguiti per almeno un anno.

Il trattamento di prima linea consisteva di un programma di 8 settimane di trattamento alternato di Pazopanib 800 mg/die ed Everolimus 10 mg/die ( braccio di rotazione ) o Pazopanib continuo 800 mg/die ( braccio di controllo ) fino alla progressione.

Dopo la progressione, i pazienti hanno effettuato una rotazione finale a Pazopanib o a Everolimus in monoterapia ( braccio di rotazione ) o hanno iniziato ad assumere Everolimus ( braccio di controllo ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza fino alla prima progressione o morte. Gli endpoint secondari comprendevano il tempo alla seconda progressione o morte, effetti tossici e qualità di vita.

In totale 52 pazienti sono stati randomizzati al braccio di rotazione ( età mediana, 65 anni ) e 49 pazienti al braccio di controllo ( età mediana, 67 anni ).
La categoria di rischio Memorial Sloan Kettering Cancer Center era favorevole nel 26% dei pazienti, intermedia nel 58%, e sfavorevole nel 15%.
Le caratteristiche basali e le categorie di rischio sono state ben bilanciate tra i bracci.

La sopravvivenza alla prima progressione o decesso a 1 anno per il trattamento di rotazione è stata del 45% e del 32% per Pazopanib ( controllo ).

Il tempo mediano fino alla prima progressione o morte per il trattamento di rotazione è stato di 7.4 mesi e 9.4 mesi per Pazopanib ( controllo ) ( P=0.37 ).

Mucosite, anoressia e vertigini erano prevalenti nel braccio di rotazione durante il trattamento di prima linea.

Non è stata osservata alcuna differenza nella qualità della vita.

In conclusione, il trattamento di rotazione non ha comportato una prolungata sopravvivenza libera da progressione, un minor numero di effetti tossici, o un miglioramento della qualità di vita.
Il trattamento di prima linea con un inibitore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare rimane l'approccio ottimale nel carcinoma renale a cellule chiare metastatico. ( Xagena2017 )

Cirkel GA et al, JAMA Oncol 2017; 3: 501-508

Onco2017 Uro2017 Nefro2017 Farma2017


Indietro