Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Tumori testa-collo

Trattamento dei bambini e adolescenti con medulloblastoma metastatico e rilevanza prognostica dei parametri clinici e biologici


È stato valutato un trattamento intensificato nel contesto dei fattori di rischio clinici e biologici nel medulloblastoma metastatico.

I pazienti da 4 a 21 anni, diagnosticati tra il 2001 e il 2007, hanno ricevuto chemioterapia di induzione, radioterapia craniospinale iperfrazionata con aumento graduale della dose e chemioterapia di mantenimento.

È stato valutato lo stato dei sottogruppi e di altri parametri biologici.

In 123 pazienti eleggibili ( età media, 8.2 anni; follow-up mediano, 5.38 anni ), la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) a 5 anni sono state, rispettivamente, 62% e 74%.

La sopravvivenza globale è risultata superiore rispetto al precedente studio HIT '91.

La sopravvivenza libera da eventi a 5 anni e la sopravvivenza globale sono risultate entrambi pari all’89% per medulloblastoma desmoplastico / nodulare ( n=11 ), 61% e 75% per medulloblastoma classico ( n=107 ) e 20% e 40% per medulloblastoma a grandi cellule / anaplastico ( n=5 ) ( P minore di 0.001 per EFS; P=0.001 per OS ).

Istologia ( hazard ratio, HR=0.19 per medulloblastoma desmoplastico / nodulare e 45.97 per medulloblastoma a grandi cellule / anaplastico ) e mancata risposta al primo ciclo di chemioterapia ( HR=1.97 ) sono stati fattori di rischio indipendenti ( EFS ).

Tra 81( 66% ) pazienti con materiale tumorale, la sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza globale a 5 anni differivano tra pazienti a basso rischio ( via di segnalazione WNT, n=4; entrambi 100% ), ad alto rischio ( amplificazione MYCC / MYCN; n=5, entrambi 20% ) e a rischio intermedio ( nessuno; n=72, 63% e 73%, rispettivamente ).

I tassi di sopravvivenza erano diversi tra sottogruppi molecolari ( WNT, n=4; sonic hedgehog SH; n=4; gruppo 4 n=41; gruppo 3 con amplificazione MYCC/MYCN n=3 o senza amplificazione MYCC/MYCN n=17; P minore di 0.001).

Tutti i casi hanno mostrato immuno-negatività p53.

Non c'è stata alcuna associazione tra pazienti con tumori non-responsivi alla chemioterapia di induzione e WNT ( P=0.143 ) o stato MYCC/MYCN ( P=0.075 ), sottotipo istologico ( P=0.814 ), o sottotipo molecolare ( P=0.383 ), valutata mediante il test esatto di Fisher.

In conclusione, questo regime era fattibile e ha portato a una sopravvivenza complessiva favorevole.
I dati hanno confermato l'importanza dello stato dei sottogruppi e dei parametri biologici ( stato WNT/MYCC/MYCN ) in una popolazione omogenea in uno studio prospettico, e hanno mostrato che i pazienti del gruppo metastatico 3 non hanno in modo uniforme esiti sfavorevoli.
Il sottogruppo biologico, lo stato MYCC/MYCN, la risposta alla chemioterapia di induzione e il sottotipo istologico possono servire a migliorare la stratificazione del trattamento. ( Xagena2016 )

von Bueren AO et al, J Clin Oncol 2016; 34: 4151-4160

Onco2016 Neuro2016 Pedia2016



Indietro