Roche Oncologia
Lung Unit
Novartis
BMS

Abiraterone e Leuprolide prima dell'intervento chirurgico provocano la scomparsa del cancro alla prostata


Un terzo degli uomini con carcinoma prostatico localizzato ad alto rischio ha ottenuto una risposta patologica completa o quasi completa dopo la terapia neoadiuvante con Abiraterone ( Zytiga ) e Leuprolide ( Lupron ), come hanno mostrato i risultati di uno studio clinico preliminare.

Un ciclo di 6 mesi di Abiraterone ha più che raddoppiato il tasso di risposta patologica rispetto a un ciclo di 12 settimane.
Inoltre, 6 mesi di Abiraterone e Leuprolide hanno prodotto un livello di antigene prostatico specifico ( PSA ) minore o uguale a 0.2 ng/ml a 12 settimane nel 90% dei pazienti.
Il regime terapeutico ha anche determinato un basso tasso di tossicità sistemica.

Il tasso di risposta completa e risposta quasi completa della prostata alla prostatectomia è molto elevato in questi tumori della prostata ad alto rischio.

La maggior parte degli uomini che hanno cancro alla prostata localizzato al momento della diagnosi hanno una elevata probabilità di guarigione con la chirurgia o la radioterapia.
Tuttavia, gli uomini con malattia localizzata ad alto rischio hanno un basso tasso di cura, e il tumore ha elevate probabilità di progredire a patologia avanzata, ad esito fatale.

Un'efficace terapia sistemica prima o dopo il trattamento locale definitivo potrebbe migliorare notevolmente la prognosi per un sottogruppo di uomini che hanno un alto rischio di morte per carcinoma alla prostata.
La terapia neoadiuvante e adiuvante sono diventate standard per diversi tipi di tumore, ma non hanno ancora avuto un impatto sugli esiti del cancro alla prostata.

La mancanza di un’efficace terapia sistemica nelle impostazioni neoadiuvante e adiuvante ha fornito una forte motivazione per effettuare una valutazione di Abiraterone, che ha l'approvazione della FDA per l'uso nel tumore avanzato della prostata.

Sono stati seguiti 58 pazienti ad alto rischio di carcinoma prostatico localizzato, così definito: malattia bulky ( stadio T3-T4 ); PSA maggiore o uguale a 20 ng/ml; punteggio Gleason 8-10; alta velocità di aumento di PSA.
I pazienti potevano o non-potevano avere coinvolgimento dei linfonodi.

La maggior parte degli uomini ( 41 su 58, 71% ) era eleggibile per lo studio a causa di un alto punteggio Gleason, con o senza altre caratteristiche ad alto rischio.

Gli uomini sono stati randomizzati a 3 mesi di Leuprolide o alla combinazione di Leuprolide, Abiraterone, Prednisone e quindi sottoposti a biopsia della prostata principalmente con lo scopo di valutare i livelli di androgeni prostatici, ma anche per esaminare la patologia e i meccanismi di segnalazione androgeno-recettore.
Successivamente, gli uomini di entrambi i gruppi hanno ripreso la terapia neoadiuvante con la combinazione, che è continuata per altri 3 mesi.

Dopo aver completato i 6 mesi di terapia neoadiuvante, gli uomini si sono sottoposti a prostatectomia radicale.
I campioni chirurgici sono stati esaminati per determinare la risposta patologica, i livelli di androgeni della prostata e la segnalazione del recettore degli androgeni.

Tra gli uomini che hanno iniziato il trattamento solo con Leuprolide, 1 su 27 ha presentato una risposta patologica completa ( 4% ) rispetto ai 3 su 29 che hanno iniziato il trattamento con la combinazione.
Altri 3 pazienti ( 11% ) nel gruppo Leuprolide hanno raggiunto risposte quasi complete ( 5 mm o meno di tumore residuo ) rispetto a 7 pazienti ( 24% ) che hanno ricevuto la combinazione per tutti i 6 mesi.

I risultati hanno mostrato un tasso di risposta complessivo del 15% negli uomini che hanno ricevuto la terapia di combinazione per 12 settimane e del 34% nel gruppo trattato con la combinazione per 6 mesi.
La differenza non ha tuttavia raggiunto la significatività statistica.

I livelli di PSA sono stati valutati a intervalli di 4 settimane.
Durante le prime 12 settimane, un paziente in monoterapia con Leuprolide ha raggiunto un valore nadir di PSA minore o uguale a 0.2 ng/ml, rispetto a 26 su 29 nel braccio di combinazione ( P minore di 0.0001 ).
A 24 settimane, 85-86% dei pazienti in entrambi i gruppi ha raggiunto il valore target di PSA nadir.

Gli eventi avversi di grado 3 consistevano nell’aumento dei livelli di enzimi epatici in 5 pazienti ( 9% ) e ipopotassiemia in 3 ( 5% ).
Non si sono verificati eventi avversi di grado 4.

I pazienti hanno ricevuto metà della dose abituale di Prednisone che è somministrato agli uomini con tumore avanzato della prostata ( 5 mg vs 10 mg ) per ridurre al minimo gli effetti collaterali potenziali di Abiraterone.
Il profilo di tossicità favorevole ha suggerito che basse dosi di Prednisone potrebbero essere sufficienti per tutti i pazienti. I risultati forniscono motivi di ottimismo sulla possibilità che il cancro alla prostata si allinei ad altri tipi di tumore che hanno beneficiato della terapia neoadiuvante e adiuvante. ( Xagena2012 )

Fonte: Annual Meeting - American Society of Clinical Oncology, 2012


Onco2012 Uro2012 Farma2012


Indietro