Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoDermatologia
ForumOncologico

Acido Valproico o Levetiracetam non migliorano la sopravvivenza nel glioblastoma


L’epilessia sintomatica è una complicanza comune del glioblastoma e richiede una terapia farmacologica.
Diverse serie di casi retrospettivi non-controllate e una analisi post hoc dello studio di registrazione per Temozolomide hanno indicato un'associazione tra Acido Valproico e una migliorata sopravvivenza nei pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi.

Per confermare questa ipotesi, è stata eseguita un'analisi combinata di associazione tra la sopravvivenza e i farmaci antiepilettici all’inizio della chemioradioterapia con Temozolomide ( Temodal ) nella coorte di pazienti aggregati ( n=1.869 ) da 4 studi clinici randomizzati, contemporanei, sul glioblastoma di nuova diagnosi: AVAGlio ( Avastin in Glioblastoma), CENTRIC ( Cilengitide, Temozolomide, and Radiation Therapy in Treating Patients With Newly Diagnosed Glioblastoma and Methylated Gene Promoter Status ), CORE ( Cilengitide, Temozolomide, and Radiation Therapy in Treating Patients With Newly Diagnosed Glioblastoma and Unmethylated Gene Promoter Status ), e Radiation Therapy Oncology Group 0825.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state confrontate tra: qualsiasi uso di Acido Valproico e nessun uso di Acido Valproico al basale, oppure uso di Acido Valproico, all’inizio e ancora dopo la chemioradioterapia.

Le stesse analisi sono state effettuate con Levetiracetam.

L’uso di Acido Valproico all'inizio della chemioradioterapia non è risultato associato a un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione o sopravvivenza globale rispetto a tutti gli altri pazienti aggregati ( PFS: hazard ratio, HR=0.91; P=0.241; OS: HR=0.96; P=0.633 ).

Inoltre, la sopravvivenza libera da malattia e la sopravvivenza globale dei pazienti trattati con Acido Valproico, sia all’inizio che dopo la chemioradioterapia non sono risultate diverse da quelle dei pazienti senza uso del farmaco antiepilettico in entrambi i momenti temporali ( PFS: HR=0.92; P=0.467; OS: HR=1.10; P=0.440 ).
Allo stesso modo, nessuna associazione a esiti migliori è stata osservata per l'uso di Levetiracetam.

In conclusione, i risultati di questa analisi non giustificano l'uso di Acido Valproico o Levetiracetam per motivi diversi dal controllo delle crisi nei pazienti affetti da glioblastoma di nuova diagnosi al di fuori di studi clinici. ( Xagena2016 )

Happold C et al, J Clin Oncol 2016; 34: 731-739

Onco2016 Neuro2016 Neuro2016 Farma2016


Indietro