Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoGeriatria

Associazione tra Selenio e cancro alla prostata: nuovi elementi per un effetto protettivo


Un ampio studio prospettico di coorte ha dimostrato che alti livelli di Selenio sono associati a un rischio significativamente ridotto di tumore avanzato della prostata.

Nello studio che ha riguardato oltre 2.000 uomini, quelli con i più alti livelli di Selenio nelle unghie dei piedi avevano una probabilità inferiore del 63% di sviluppare il cancro alla prostata di stadio III/IV, rispetto agli uomini con i più bassi livelli di Selenio ( P inferiore a 0.001 ).

Precedenti studi prospettici avevano fornito risultati contrastanti su una possibile associazione tra il Selenio e il carcinoma alla prostata; alcuni studi avevano mostrato un effetto protettivo del Selenio, mentre altri non avevano trovato alcun effetto o era stato riscontrato un effetto deleterio.

Lo studio SELECT ( Selenium and Vitamin E Cancer Prevention Trial ), che ha riguardato 35.553 uomini di età uguale o superiore ai 50 anni, ha mostrato che l’impiego di supplementi a base di Selenio non impediscono lo sviluppo tumorale.
E' stato ipotizzato che gli alti livelli basali di Selenio fossero alla base dell’insuccesso della supplementazione con Selenio nello studio SELECT.

Ricercatori dell’Università di Maastricht in Olanda, hanno esaminato l'associazione del Selenio contenuto nelle unghie dei piedi e il rischio di tumore alla prostata in forma avanzata, utilizzando i dati dello studio di coorte costituito da 58.279 uomini di età compresa tra 55 e 69 anni nel 1986; molti di questi soggetti avevano livelli di Selenio bassi o moderati.

L'attuale analisi ha coinvolto una sottocoorte, scelta casualmente, di 898 uomini con diagnosi di carcinoma della prostata in fase avanzata e 1.203 soggetti di controllo.
Il periodo osservazionale è stato di 17.3.
I livelli di Selenio, misurati in campioni dell'unghia del piede al basale, erano pari a 0.549 mcg/g.

La quantità di Selenio presente nell’unghia riflette l'esposizione a lungo termine del minerale. La maggior parte degli studi precedenti aveva, invece, misurato il Selenio a livello ematico ( sangue o plasma ), evidenziando l'esposizione recente al minerale.

Quando gli uomini sono stati divisi in quintili in base ai livelli di Selenio dell'unghia del piede, con 1.00 come riferimento, è stata osservata una correlazione tra un aumento dei livelli di Selenio e un ridotto rischio di tumore alla prostata di stadio III/IV.
L'associazione è risultata più pronunciata per gli uomini la cui diagnosi è stata effettuata nella fase più avanzata del follow-up. ( Xagena2013 )

Fonte: American Association for Cancer Research Annual Meeting, 2013

Onco2013 Uro2013 Farma2013


Indietro