Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoPneumologia
Tumore Vescica

Atezolizumab e Nab-Paclitaxel nel cancro alla mammella triplo negativo avanzato


Il carcinoma mammario non-resecabile localmente avanzato o metastatico triplo negativo ( negativo al recettore dell’ormone [ HR- ] e negativo al recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 [ HER2- ] ) è una malattia aggressiva con esiti negativi.
Paclitaxel legato all’albumina in nanoparticelle ( Abraxane; nab-Paclitaxel ) può aumentare l'attività antitumorale di Atezolizumab ( Tecentriq ).

In uno studio di fase 3, sono stati randomizzati i pazienti con cancro alla mammella triplo negativo metastatico non-trattato, a ricevere Atezolizumab più nab-Paclitaxel oppure placebo più nab-Paclitaxel; i pazienti hanno continuato l'intervento fino a progressione della malattia o a un livello inaccettabile di effetti tossici.

I fattori di stratificazione sono stati la ricezione o meno della terapia neoadiuvante o adiuvante con taxano, la presenza o l'assenza di metastasi epatiche al basale e l'espressione al basale del ligando di morte programmata 1 ( PD-L1 ) ( positiva vs negativa ).

I due endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( nella popolazione intention-to-treat e nel sottogruppo PD-L1-positivo ) e la sopravvivenza globale ( testata nella popolazione intention-to-treat; se il risultato fosse stato significativo sarebbe stata testata nel sottogruppo PD-L1-positivo ).

Ogni gruppo comprendeva 451 pazienti ( follow-up mediano, 12.9 mesi ).

Nell'analisi intention-to-treat, la sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) è stata di 7.2 mesi con Atezolizumab più nab-Paclitaxel, rispetto a 5.5 mesi con placebo più nab-Paclitaxel ( hazard ratio per progressione o morte, HR=0.80, P=0.002 ); tra i pazienti con tumori PD-L1-positivi, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata rispettivamente di 7.5 mesi e 5.0 mesi ( HR=0.62, P minore di 0.001 ).

Nell'analisi intention-to-treat, la sopravvivenza globale mediana è stata di 21.3 mesi con Atezolizumab più nab-Paclitaxel e di 17.6 mesi con placebo più nab-Paclitaxel ( hazard ratio per morte, HR=0.84, P=0.08 ); tra i pazienti con tumori PD-L1-positivi, la sopravvivenza globale mediana è stata di 25.0 mesi e di 15.5 mesi, rispettivamente ( HR=0.62 ).

Non sono stati identificati nuovi effetti avversi. Eventi avversi che hanno portato alla sospensione di qualsiasi farmaco si sono verificati nel 15.9% dei pazienti che hanno ricevuto Atezolizumab più nab-Paclitaxel e nell'8.2% di quelli che hanno ricevuto placebo più nab-Paclitaxel.

In conclusione, Atezolizumab più nab-Paclitaxel ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con cancro mammario triplo negativo metastatico sia nella popolazione intention-to-treat che nel sottogruppo PD-L1-positivo.
Gli eventi avversi erano coerenti con i profili di sicurezza noti di ciascun agente. ( Xagena2018 )

Schmid P et al, N Engl J Med 2018; 379: 2108-2121

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro