Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore Vescica

Atezolizumab in combinazione con Carboplatino più chemioterapia con nab-Paclitaxel rispetto alla sola chemioterapia come trattamento di prima linea per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule non-squamoso metastatico: studio IMpower130


Atezolizumab ( Tecentriq ), un anticorpo monoclonale contro PD-L1 che ripristina l'immunità antitumorale, ha migliorato la sopravvivenza globale nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule precedentemente trattato e ha anche mostrato beneficio clinico quando combinato con la chemioterapia come trattamento di prima linea del tumore al polmone non-a-piccole cellule.
Lo studio IMpower130 ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Atezolizumab più chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia come terapia di prima linea per il cancro polmonare non-a-piccole cellule non-squamoso.

IMpower130 era uno studio multicentrico, randomizzato, in aperto, di fase 3, condotto in 131 Centri in 8 Paesi ( Stati Uniti, Canada, Belgio, Francia, Germania, Italia, Spagna e Israele ).
I pazienti eleggibili avevano un'età pari o superiore a 18 anni e avevano un tumore polmonare non-squamoso non-a-piccole cellule allo stadio IV confermato istologicamente o citologicamente, uno ECOG performance status pari a 0 o 1 e non avevano ricevuto alcuna chemioterapia precedente per la malattia allo stadio IV.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Atezolizumab ( 1.200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane ) più chemioterapia ( Carboplatino, area sotto la curva 6 mg/ml al minuto ogni 3 settimane, più nab-Paclitaxel, 100 mg/m2 per via endovenosa ogni settimana ) o chemioterapia da sola per 4 o 6 cicli di 21 giorni seguiti da terapia di mantenimento.
I fattori di stratificazione erano sesso, metastasi epatiche al basale ed espressione tumorale di PD-L1.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale nella popolazione wild-type intention-to-treat ( EGFR in base al peso e ALK in base al peso ).
La popolazione di sicurezza comprendeva pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2015 e il 2017, 724 pazienti sono stati assegnati in modo casuale e 723 sono stati inclusi nella popolazione intention-to-treat [ ITT ] ( un paziente è deceduto prima della randomizzazione, ma è stato assegnato a un gruppo di trattamento; questo paziente è stato escluso dalla popolazione ITT ) del gruppo Atezolizumab più chemioterapia ( 483 pazienti nella popolazione ITT e 451 pazienti nella popolazione ITT wild-type ) o del gruppo chemioterapico ( 240 pazienti nella popolazione ITT e 228 pazienti nella popolazione ITT wild-type ).

Il follow-up mediano nella popolazione ITT wild-type era simile tra i gruppi ( 18.5 mesi nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia e 19.2 mesi nel gruppo chemioterapia ).

Nella popolazione ITT wild-type ci sono stati miglioramenti significativi nella sopravvivenza globale mediana ( 18.6 mesi nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia e 13.9 mesi nel gruppo chemioterapia; hazard ratio stratificato HR 0.79; P=0.033 ) e sopravvivenza libera da progressione mediana ( 7.0 mesi nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia e 5.5 mesi nel gruppo chemioterapia; HR stratificato 0.64; P minore di 0.0001 ).

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento di grado 3 o maggiore sono stati neutropenia ( 152 su 473, 32%, nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia versus 65 su 232, 28%, nel gruppo chemioterapia ), anemia ( 138, 29%, vs 47, 20% ) e riduzione della conta dei neutrofili ( 57, 12%, vs 19, 8% ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento sono stati segnalati in 112 pazienti su 473 ( 24% ) nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia e in 30 pazienti su 232 ( 13% ) nel gruppo chemioterapia.
I decessi correlati a qualsiasi trattamento si sono verificati in 8 pazienti su 473 ( 2% ) nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia e in 1 paziente su 232 ( inferiore all'1% ) nel gruppo chemioterapia.

IMpower130 ha mostrato un miglioramento clinicamente significativo della sopravvivenza globale e un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione con Atezolizumab più chemioterapia rispetto alla chemioterapia come trattamento di prima linea di pazienti con tumore al polmone non-squamoso non-a-piccole cellule allo stadio IV e senza mutazioni ALK o EGFR.
Non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza.
Questo studio supporta Atezolizumab in combinazione con la chemioterapia a base di Platino come trattamento di prima linea del carcinoma polmonare metastatico non-a-piccole cellule. ( Xagena2019 )

West H et al, Lancet Oncology 2019; 20: 924-937

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro