Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore rene

Atezolizumab più chemioterapia in prima linea nel carcinoma polmonare a piccole cellule in stadio esteso


Migliorare l'immunità dei linfociti T specifici per il tumore inibendo la via di segnalazione PD-L1/PD-1 ha mostrato risultati promettenti nel trattamento del tumore polmonare a piccole cellule in stadio esteso.
La combinazione dell'inibizione del checkpoint con la chemioterapia citotossica può avere un effetto sinergico e migliorare l'efficacia.

È stato condotto uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3 per valutare Atezolizumab ( Tecentriq ) più Carboplatino ed Etoposide in pazienti con cancro al polmone a piccole cellule in stadio esteso che non avevano precedentemente ricevuto un trattamento.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Carboplatino ed Etoposide con Atezolizumab oppure placebo per quattro cicli di 21 giorni ( fase di induzione ), seguiti da una fase di mantenimento durante la quale hanno ricevuto Atezolizumab o placebo ( secondo la precedente assegnazione ) fino a quando non hanno avuto effetti tossici inaccettabili, progressione della malattia in base ai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1, o nessun beneficio clinico aggiuntivo.

I due endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore e la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.

Un totale di 201 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Atezolizumab e 202 pazienti al gruppo placebo.

A un follow-up mediano di 13.9 mesi, la sopravvivenza globale mediana è stata di 12.3 mesi nel gruppo Atezolizumab e 10.3 mesi nel gruppo placebo ( hazard ratio per morte, HR=0.70 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata rispettivamente di 5.2 mesi e 4.3 mesi ( hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.77, P=0.02 ).

Il profilo di sicurezza di Atezolizumab più Carboplatino ed Etoposide è stato coerente con il profilo di sicurezza precedentemente riportato dei singoli agenti, senza che siano stati osservati nuovi risultati.

In conclusione, l'aggiunta di Atezolizumab alla chemioterapia nel trattamento di prima linea del tumore al polmone a piccole cellule in stadio esteso ha comportato una sopravvivenza globale e una sopravvivenza libera da progressione significativamente più lunghe rispetto alla sola chemioterapia. ( Xagena2018 )

Horn L et al, N Engl J Med 2018; 379: 2220-2229

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro