Novartis
OncoHub
Roche Oncologia
Tumore prostata

Atezolizumab versus chemioterapia in pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico trattato con Platino: studio IMvigor211


Esistono poche opzioni per i pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico dopo la progressione con chemioterapia a base di Platino.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Atezolizumab [ Tecentriq ] ( anti-ligando 1 di morte cellulare programmata, PD-L1 ) rispetto alla chemioterapia in questa popolazione di pazienti.

Lo studio in aperto, randomizzato, controllato, di fase 3 IMvigor211 è stato effettuato in 217 Centri medici principalmente in Europa, Nord America e nella regione Asia-Pacifico.
I pazienti di età a partire da 18 anni con carcinoma uroteliale metastatico progredito dopo chemioterapia a base di Platino sono stati assegnati casualmente a ricevere Atezolizumab 1.200 mg o chemioterapia ( a scelta: Vinflunina 320 mg/m2, Paclitaxel 175 mg/m2, o Docetaxel 75 mg/m2 ) per via endovenosa ogni 3 settimane.

La randomizzazione è stata stratificata per espressione di PD-L1 ( espressione inferiore a 1% [ IC0 ], o da 1% a meno del 5% [ IC1 ] delle cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore versus 5% o più di cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore [ IC2/3 ] ), tipo di chemioterapia ( Vinflunina vs taxani ), metastasi epatiche ( sì vs no ) e numero di fattori prognostici ( nessuno vs 1, 2 o 3 ).

L'endpoint primario di sopravvivenza globale è stato testato gerarchicamente in popolazioni prespecificate: IC2/3, seguita da IC1/2/3, seguita dalla popolazione intention-to-treat.

Tra il 2015 e il 2016, sono stati assegnati a caso 931 pazienti da 198 siti per ricevere Atezolizumab ( n=467 ) o chemioterapia ( n=464 ).

Nella popolazione IC2/3 ( n=234 ), la sopravvivenza globale non differiva significativamente tra i pazienti nel gruppo Atezolizumab e quelli nel gruppo chemioterapia ( mediana 11.1 mesi; n=116, vs 10.6 mesi; n=118; hazard ratio stratificato, HR 0.87; P=0.41 ), quindi precludendo ulteriori analisi statistiche formali.

I tassi di risposta obiettiva confermati erano simili tra i gruppi di trattamento nella popolazione IC2/3: 26 su 113 pazienti valutabili ( 23% ) hanno presentato una risposta obiettiva nel gruppo Atezolizumab rispetto a 25 su 116 pazienti ( 22% ) nel gruppo chemioterapico.

La durata della risposta è stata numericamente più lunga nel gruppo Atezolizumab rispetto al gruppo chemioterapico ( mediana 15.9 mesi vs 8.3 mesi; HR 0.57 ).

Nella popolazione intention-to-treat, i pazienti trattati con Atezolizumab hanno presentato meno eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 rispetto a quelli trattati con chemioterapia ( 91 su 459, 20%, vs 189 su 443 pazienti, 43% ) e meno eventi avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento ( 34 pazienti, 7%, vs 78, 18% ).

Atezolizumab non è stato associato a una sopravvivenza globale significativamente più lunga rispetto alla chemioterapia in pazienti con carcinoma uroteliale metastatico refrattario al Platino con sovraespressione di PD-L1 ( IC2/3 ).
Tuttavia, il profilo di sicurezza per Atezolizumab è stato favorevole rispetto alla chemioterapia.

L'analisi esplorativa della popolazione intention-to-treat ha mostrato risposte ben tollerate e durature in linea con i precedenti dati di fase 2 per Atezolizumab in questo contesto. ( Xagena2018 )

Powles T et al, Lancet 2018; 391: 748-757

Onco2018 Uro2018 Farma2018


Indietro