Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
OncoGeriatria

Bambini e adolescenti utilizzatori di telefoni cellulari non corrono un rischio maggiore di cancro al cervello rispetto ai non-utilizzatori


I bambini e gli adolescenti che utilizzano i telefoni cellulari non presentano un aumentato rischio, statisticamente significativo, di cancro al cervello rispetto ai propri coetanei che non-usano i telefoni cellulari.

Nel corso degli ultimi anni, l’utilizzo del telefono cellulare è aumentato in modo considerevole, tra i bambini e gli adolescenti.
Il maggiore utilizzo ha sollevato preoccupazioni circa la possibilità di sviluppo dei tumori cerebrali in questa popolazione, in quanto i bambini hanno un sistema nervoso in via di sviluppo; inoltre, poiché la loro circonferenza della testa è più piccola, i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono penetrare regioni che si trovano più profondamente nel cervello.
Tuttavia, nessun precedente studio ha valutato se l'uso del telefono cellulare tra i bambini e gli adolescenti fosse associato a una differenza nel rischio di tumore al cervello.

Per determinare la relazione tra uso del telefono cellulare e rischio di tumore cerebrale tra i bambini e gli adolescenti, ricercatori del Swiss Tropical and Public Health Institute a Basilea, in Svizzera, hanno esaminato le cartelle cliniche dei bambini di età compresa tra 7 e 19 anni con tumori cerebrali, identificati attraverso i registri della popolazione.

Lo studio, condotto tra il 2004 e il 2008, ha incluso partecipanti provenienti da Norvegia, Danimarca, Svezia e Svizzera.
Sono stati controllati i dati di 352 pazienti con cancro al cervello; il gruppo di controllo era costituito da 646 soggetti.

Si è scoperto che i pazienti con tumori cerebrali non hanno presentato una più alta probabilità di essere regolari utenti di telefonia mobile rispetto ai soggetti di controllo.

Un totale di 265 pazienti ( 75.3% ) e 466 soggetti di controllo ( 72.1% ) ha riferito di aver parlato con un telefono cellulare più di 20 volte prima del momento in cui il paziente-caso ha ricevuto diagnosi oncologica.

Un totale di 194 pazienti ( 55% ) e 329 soggetti di controllo ( 51% ) hanno riferito un utilizzo regolare di cellulari.

In un sottogruppo di partecipanti allo studio per i quali erano disponibili i dati registrati degli operatori, il rischio di tumore al cervello è stato correlato al tempo trascorso dal momento in cui è stata avviata la sottoscrizione per l’uso del telefono cellulare ( ma non alla quantità di uso ).
Non è stato osservato alcun aumento del rischio di tumori cerebrali per le aree del cervello sottoposte a più alta quantità di esposizione.

Poiché non è stata trovata una chiara relazione esposizione-risposta nella maggior parte di queste analisi, le prove disponibili non sostengono un'associazione causale tra l'uso di telefoni cellulari e tumori cerebrali.
Tuttavia, poiché l'uso del telefono cellulare tra i bambini e gli adolescenti è aumentato nel corso degli anni, sarebbe opportuno prestare attenzione a questa tendenza.

Secondo un editoriale di accompagnamento di ricercatori del International Epidemiology Institute di Rockville, Maryland, e della Vanderbilt University di Nashville, Tennessee, lo studio ha colmato una lacuna importante nella conoscenza mostrando l’assenza di aumento del rischio di tumori cerebrali tra bambini e adolescenti che sono regolari utilizzatori di telefoni cellulari.
È rassicurante il fatto che i tassi di incidenza di cancro al cervello nella popolazione generale, compresi i bambini e gli adolescenti, non sono cambiati nel corso degli ultimi 20 anni negli Stati Uniti e in molti altri Paesi nonostante l'aumento costante dell'uso di telefoni cellulari in tutto il mondo dal 1980.

E’ stato raccomandato un continuo monitoraggio dei tassi di incidenza nella popolazione.
Inoltre, le persone che fanno uso di telefoni cellulari dovrebbero prendere in considerazione alternative al portare il cellulare alle orecchie, ad esempio utilizzando un auricolare o utilizzando l'altoparlante del telefono. ( Xagena2011 )

Fonte: Journal of The National Cancer Institute, 2011


Onco2011



Indietro