Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore polmone
Tumore Ovaie

Bevacizumab migliora la sopravvivenza nei pazienti con cancro della cervice ricorrente e metastatico


Una analisi ad interim di un ampio studio clinico randomizzato, ha mostrato che i pazienti con cancro della cervice avanzato, recidivante o persistente, non-curabile con il trattamento standard, trattati con Bevacizumab ( Avastin ) hanno presentato una sopravivenza di 3.7 mesi maggiore, rispetto ai pazienti che non avevano ricevuto il farmaco.

Lo studio clinico, noto come GOG240, è stato sponsorizzato dal National Cancer Institute ( NCI ), parte del National Institutes of Health ( NIH ), e condotto da un gruppo di ricercatori guidati dal Gynecologic Oncology Group ( GOG ).

Il Data Safety Monitoring Committee che sovrintendeva lo studio ha raccomandato che i risultati di un'analisi ad interim fossero resi pubblici perché lo studio aveva raggiunto l'endpoint primario, dimostrando un miglioramento della sopravvivenza globale nei pazienti che avevano ricevuto Bevacizumab.

Ad alcune pazienti è stato somministrato per via endovenosa Bevacizumab alla dose di 15 mg/kg assieme al trattamento chemioterapico, e continuato con questa dose, un giorno ogni tre settimane, fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.
Queste pazienti hanno presentato un vantaggio di vita di 3.7 mesi, rispetto a quelle che non avevano ricevuto Bevacizumab.
Le pazienti trattate con la sola chemioterapia hanno presentato una sopravvivenza mediana di 13.3 mesi, mentre le donne che hanno ricevuto Bevacizumab in aggiunta alla chemioterapia avevano una sopravvivenza media di 17 mesi.
Questa differenza di sopravvivenza è risultata statisticamente significativa.

Le pazienti nel braccio Bevacizumab hanno presentato più effetti collaterali, rispetto a quelle del braccio solo chemioterapia. Questi effetti indesiderati erano in linea con gli effetti collaterali già noti per essere associati con la terapia con Bevacizumab.

Nel periodo 2009-2012 sono state arruolate 452 pazienti negli Stati Uniti e in Spagna con carcinoma della cervice metastatico, ricorrente, o persistente, non-curabile con terapia standard.
Lo studio era stato progettato per rispondere a due domande: se Topotecan in associazione a Paclitaxel fosse superiore alla combinazione Cisplatino e Paclitaxel, e se l'aggiunta di Bevacizumab ai regimi chemioterapici fosse in grado di migliorare la sopravvivenza globale.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei quattro gruppi di trattamento, due dei gruppi di trattamento hanno ricevuto Bevacizumab.

In un'analisi condotta nel 2012, è stato determinato che l’associazione Topotecan più Paclitaxel non era superiore alla terapia standard a base di Cisplatino più Paclitaxel. ( Xagena2013 )

Fonte: National Cancer Institute, 2013

Onco2013 Uro2013 Farma2013


Indietro