Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
Tumore polmone

Cabazitaxel versus Abiraterone o Enzalutamide nel tumore della prostata metastatico


L'efficacia e la sicurezza di Cabazitaxel ( Jevtana ), rispetto a un inibitore diretto alla via di segnalazione degli androgeni ( Abiraterone [ Zytiga ] o Enzalutamide [ Xtandi ] ), in pazienti con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione che erano stati precedentemente trattati con Docetaxel e avevano avuto progressione entro 12 mesi mentre ricevevano l'inibitore alternativo ( Abiraterone o Enzalutamide ) non sono ben definite.

Sono stati assegnati casualmente i pazienti che avevano precedentemente ricevuto Docetaxel e Abiraterone o Enzalutamide, a ricevere Cabazitaxel ( alla dose di 25 mg per metro quadrato di superficie corporea per via endovenosa ogni 3 settimane, più Prednisone quotidiano e il fattore stimolante le colonie di granulociti [ G-CSF ] ) o l'altro inibitore diretto alla via di segnalazione degli androgeni ( 1.000 mg di Abiraterone più Prednisone al giorno o 160 mg di Enzalutamide al giorno ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione basata sull'imaging. Sono stati valutati gli endpoint secondari di sopravvivenza, risposta e sicurezza.

In totale 255 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione.

Dopo un follow-up mediano di 9.2 mesi, è stata riportata progressione basata sull'imaging o morte in 95 pazienti su 129 ( 73.6% ) nel gruppo Cabazitaxel, rispetto a 101 su 126 pazienti ( 80.2% ) nel gruppo che ha ricevuto un inibitore mirato alla via di segnalazione degli androgeni ( hazard ratio, HR=0.54; P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza libera da progressione basata su imaging mediana è stata di 8.0 mesi con Cabazitaxel e 3.7 mesi con l'inibitore mirato alla via di segnalazione degli androgeni.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 13.6 mesi con Cabazitaxel e 11.0 mesi con l'inibitore mirato alla segnalazione degli androgeni ( hazard ratio per morte, HR=0.64; P=0.008 ).

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 4.4 mesi con Cabazitaxel e 2 7 mesi con un inibitore diretto alla via di segnalazione degli androgeni ( hazard ratio per progressione o morte, HR=0.52; P minore di 0.001 ), una risposta antigenica specifica della prostata si è verificata nel 35.7% e nel 13.5% dei pazienti, rispettivamente ( P minore di 0.001 ) e la risposta del tumore è stata osservata nel 36.5% e 11.5% dei pazienti ( P=0.004 ).

Eventi avversi di grado 3 o superiore si sono verificati nel 56.3% dei pazienti trattati con Cabazitaxel e nel 52.4% di quelli che hanno ricevuto un inibitore della via di segnalazione degli androgeni.
Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza.

Cabazitaxel ha migliorato significativamente una serie di esiti clinici, rispetto all'inibitore mirato alla via di segnalazione di androgeni ( Abiraterone o Enzalutamide ), in pazienti con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione che erano stati precedentemente trattati con Docetaxel e l'agente diretto alla via di segnalazione degli androgeni alternativo ( Abiraterone o Enzalutamide ). ( Xagena2019 )

de Wit R et al, N Engl J Med 2019; 381: 2506-2518

Onco2019 Uro2019 Farma2019


Indietro