Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
OncoDermatologia

Cabozantinib nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato e progressivo


Cabozantinib ( Cabometyx ) inibisce le tirosin-chinasi, compresi i recettori del fattore di crescita dell'endotelio vascolare 1, 2 e 3, MET e AXL, che sono implicati nella progressione del carcinoma epatocellulare e nello sviluppo di resistenza a Sorafenib ( Nexavar ), il trattamento standard iniziale per la malattia avanzata.
Uno studio di fase 3, randomizzato e in doppio cieco, ha valutato Cabozantinib rispetto al placebo nei pazienti precedentemente trattati con carcinoma epatocellulare avanzato.

In totale 707 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Cabozantinib ( 60 mg una volta al giorno ) o un placebo corrispondente.
I pazienti eleggibili avevano ricevuto un precedente trattamento con Sorafenib, avevano progressione della malattia dopo almeno un trattamento sistemico per carcinoma epatocellulare e potevano aver ricevuto fino a due regimi sistemici precedenti per carcinoma epatocellulare avanzato.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale.Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da progressione e il tasso di risposta obiettiva.

Alla seconda analisi ad interim pianificata, lo studio ha mostrato una sopravvivenza globale significativamente più lunga con Cabozantinib rispetto al placebo.
La sopravvivenza globale mediana è stata di 10.2 mesi con Cabozantinib e 8.0 mesi con placebo ( hazard ratio per la mortalitò, HR= 0.76; P=0.005 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 5.2 mesi con Cabozantinib e 1.9 mesi con placebo ( hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.44, P minore di 0.001 ) e i tassi di risposta obiettiva sono stati del 4% e inferiore a 1%, rispettivamente ( P=0.009 ).

Eventi avversi di grado 3 o 4 si sono verificati nel 68% dei pazienti nel gruppo Cabozantinib e nel 36% nel gruppo placebo.
Gli eventi più comuni di alto grado sono stati l'eritrodisestesia palmo-plantare ( 17% con Cabozantinib vs 0% con placebo ), ipertensione ( 16% vs 2% ),aumento della aspartato aminotransferasi ( 12% vs 7% ), fatica ( 10% vs 4% ) e diarrea ( 10% vs 2% ).

In conclusione, tra i pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato precedentemente trattato, il trattamento con Cabozantinib ha comportato una sopravvivenza globale e una sopravvivenza libera da progressione più lunghe rispetto al placebo.
Il tasso di eventi avversi di alto grado nel gruppo Cabozantinib è stato approssimativamente il doppio di quello osservato nel gruppo placebo. ( Xagena2018 )

Abou-Alfa GK et al, N Engl J Med 2018; 379: 54-63

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro