Lung Unit
Tumore Uroteliale
Melanome
Tumore prostata

Cabozantinib nel carcinoma renale non-a-cellule chiare avanzato


Cabozantinib ( Cabometyx ) è approvato per i pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico sulla base di studi effettuati nell'istologia a cellule chiare.
L'attività di Cabozantinib nei pazienti con carcinoma a cellule renali non-a-cellule chiare è scarsamente caratterizzata.

Sono state analizzate l'attività antitumorale e la tossicità di Cabozantinib nel carcinoma a cellule renali non-a-cellule chiare avanzato.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo multicentrico, internazionale, riguardante pazienti con carcinoma renale non-a-cellule chiare metastatico trattati con Cabozantinib per os durante qualsiasi linea di trattamento in 22 Centri, 21 negli Stati Uniti e uno in Belgio, all'incirca tra il 2015 e il 2018.
Sono stati esclusi i tumori misti con una componente istologica a cellule chiare.
Nessun altro criterio di inclusione restrittiva è stato applicato.
I dati sono stati ottenuti dalla revisione delle cartelle cliniche.
Gli obiettivi principali erano di stimare la proporzione di pazienti che hanno raggiunto una risposta obiettiva, il tempo al fallimento del trattamento e la sopravvivenza globale dopo il trattamento.

Dei 112 pazienti identificati con carcinoma a cellule renali non-a-cellule chiare trattati nei Centri partecipanti, 66 ( 59% ) presentavano istologia papillare, 17 ( 15% ) presentavano istologia di traslocazione Xp11.2, 15 ( 13% ) istologia non-classificata, 10 ( 9% ) avevano istologia cromofobica e 4 ( 4% ) avevano istologia del dotto collettore.

La proporzione di pazienti che hanno raggiunto una risposta obiettiva attraverso tutti gli istotipi era di 30 pazienti su 112 ( 27% ).

A un follow-up mediano di 11 mesi, il tempo mediano di fallimento del trattamento è stato di 6.7 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 7.0 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 12.0 mesi.

Gli eventi avversi più comuni di qualsiasi grado sono stati affaticamento ( 58, 52% ) e diarrea ( 38, 34% ).
Gli eventi di grado 3 più comuni sono stati tossicità cutanea ( rash ed eritrodisestesia palmo-plantare, 5, 4% ) e ipertensione ( 4, 4% ).

Non sono stati osservati decessi correlati al trattamento.

In 54 pazienti con dati di sequenziamento di nuova generazione disponibili, i geni somatici più frequentemente modificati sono stati CDKN2A ( 12, 22% ) e MET ( 11, 20% ) con risposte osservate indipendentemente dallo stato mutazionale.

In attesa di risultati da studi prospettici, questo studio dal mondo reale ha fornito prove a sostegno dell'attività antitumorale e della sicurezza di Cabozantinib nei carcinomi a cellule renali non-a-cellule chiare. ( Xagena2019 )

Martínez Chanzá N et al, Lancet Oncology 2019; 20: 581-590

Onco2019 Nefro2019 Uro2019 Farma2019


Indietro