Novartis
Lung Unit
BMS
Tumore polmone

Captazione dello iodio aumentata da Selumetinib nel carcinoma tiroideo avanzato


I carcinomi tiroidei metastatici refrattari a Iodio radioattivo ( Iodio-131 ) sono associati a prognosi non-favorevole.

In modelli murini di carcinoma tiroideo, antagonisti selettivi della pathway MAPK ( mitogen-activated protein kinase ) aumentano l’espressione delle proteine di simporto sodio-iodio e la captazione dello iodio.

I loro effetti nell’uomo non sono noti.

È stato condotto uno studio per determinare se l’inibitore delle MAP chinasi, MEK1 e MEK2, Selumetinib fosse in grado di revertire la refrattarietà a Iodio radioattivo nei pazienti con carcinoma tiroideo metastatico.

Dopo stimolazione con Tirotropina alfa, è stata effettuata una PET con Iodio-124 prima e 4 settimane dopo il trattamento con Selumetinib ( 75 mg 2 volte al giorno ).

Se il secondo studio con PET con Iodio-124 PET indicava che poteva essere somministrata alla lesione metastatica o alle lesioni una dose di Iodio-131 pari o superiore a 2000 cGy, la terapia con Iodio radioattivo è stata somministrata mentre il paziente stava ricevendo Selumetinib.

Dei 24 pazienti presi in considerazione per lo studio, 20 sono stati valutati.
L’età mediana era 61 anni ( intervallo, 44-77 ), e 11 pazienti erano uomini.

In totale, 9 pazienti avevano tumori con mutazioni in BRAF e 5 avevano tumori con mutazioni in NRAS.

Selumetinib ha aumentato l’assorbimento di Iodio-124 in 12 dei 20 pazienti ( 4 su 9 pazienti con mutazioni BRAF e 5 su 5 pazienti con mutazioni NRAS ).

Di questi 12 pazienti, 8 hanno raggiunto la soglia dosimetrica per la terapia con Iodio radioattivo, inclusi tutti e 5 i pazienti con mutazioni NRAS.

Degli 8 pazienti trattati con Iodio radioattivo, 5 hanno mostrato risposte parziali confermate e 3 malattia stabile; tutti i pazienti hanno mostrato una diminuzione nei livelli sierici di Tiroglobulina ( riduzione media, 89% ).

Non sono stati osservati effetti tossici di grado uguale o superiore a 3 attribuibili a Selumetinib.

Un paziente ha ricevuto una diagnosi di sindrome mielodisplastica oltre 51 settimane dopo il trattamento con Iodio radioattivo, con progressione a leucemia acuta.

In conclusione, Selumetinib produce aumenti clinicamente significativi nella captazione e nella ritenzione di Iodio in un sottogruppo di pazienti con carcinoma della tiroide refrattario a Iodio radioattivo; l’efficacia potrebbe essere maggiore nei pazienti con malattia con mutazione in RAS. ( Xagena2013 )

Ho AL et al, N Engl J Med 2013; 368: 623-632

Endo2013 Onco2013 Farma2013



Indietro