Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore Mammella
OncoGinecologia

Carcinoma del polmone non-a-piccole cellule con mutazione in EGFR: fattori predittivi per il ritrattamento con inibitori della tirosin-chinasi di EGFR


La resistenza acquisita si verifica nella maggior parte dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazioni del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) che hanno inizialmente avuto una risposta all'inibitore della tirosina-chinasi di EGFR.
È stato studiato il ritrattamento con inibitori tirosin-chinasici di EGFR nei pazienti che avevano precedentemente ricevuto inibitore tirosin-chinasico di EGFR seguito da chemioterapia.

Lo studio multicentrico retrospettivo SEQUENCE ha arruolato pazienti con adenocarcinoma localmente avanzato o metastatico o tumore NSCLC TTF-1(+), positivo a mutazione sensibile di EGFR, e riutilizzo di inibitore tirosin-chinasico di EGFR dopo il primo trattamento con inibitore tirosin-chinasico di EGFR seguito da chemioterapia.

Sono stati presi in esame: il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), il tasso di controllo della malattia ( DCR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) del ritrattamento con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR.

In totale, sono stati arruolati 205 pazienti, con un'età media di 61.8 anni, una proporzione maggiore di donne ( 62.9% ) rispetto agli uomini e più non-fumatori ( 73.2% ) rispetto ai fumatori.

Nella somministrazione iniziale di inibitore della tirosin-chinasi di EGFR, il 57.6% dei pazienti ha presentato una risposta completa ( CR ) o una risposta parziale ( PR ) e il 34.6% ha mostrato una malattia stabile ( SD ); nella chemioterapia di seconda linea, il 13.7% ha avuto una risposta parziale e il 58.0% ha mostrato una stabilizzazione della malattia; nel ritrattamento con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR, il 7.3% ha avuto una risposta parziale e il 37.1% ha mostrato malattia stabile.

La sopravvivenza libera da progressione mediana dell'inibitore della tirosin-chinasi di EGFR di prima linea è stata di 8.0 mesi e il trattamento con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR è stato di 4.1 mesi.

La sopravvivenza globale mediana dall'inizio della terapia con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR di prima linea è stata di 35.9 mesi e dall'inizio del trattamento con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR è stata di 12.6 mesi.

Nell'analisi di regressione univariata e multivariata di fattori associati alla sopravvivenza libera da progressione con il ritrattamento con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR, l'intervallo di tempo tra i due inibitori della tirosin-chinasi di EGFR pari o superiore a 7 mesi è risultato statisticamente significativo ( hazard ratio, HR=0.62; HR=0.6; entrambi P minore di 0.01 )

Anche le donne con mutazione dell'esone 21 hanno mostrato una differenza significativa tra i due gruppi ( HR=0.51; HR=0.52; entrambi P minore di 0.05 ).

In conclusione, il trattamento con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR è risultato efficace nel prolungare la sopravvivenza e ha dimostrato di essere una opzione utile per i pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule EGFR-mutato dopo fallimento di inibitore della tirosin-chinasi di EGFR di prima linea e chemioterapia.
Il beneficio di sopravvivenza è stato particolarmente pronunciato nei pazienti con più lunghi periodi senza farmaci dal primo inibitore della tirosin-chinasi di EGFR e nelle donne con mutazioni dell'esone 21. ( Xagena2017 )

Chang GC et al, Lung Cancer 2017; 104: 58-64

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro