Novartis
Roche Oncologia
OncoHub
Oncologia Morabito

Chemioterapia adiuvante con S-1 versus Gemcitabina per tumore al pancreas asportato


Anche se la chemioterapia adiuvante con Gemcitabina ( Gemzar ) è la cura standard per il cancro al pancreas resecato; S-1 ha dimostrato non-inferiorità rispetto a Gemcitabina per la malattia avanzata.

È stata esaminata la non-inferiorità di S-1 a Gemcitabina come chemioterapia adiuvante per il carcinoma pancreatico in termini di sopravvivenza globale.

È stato effettuato uno studio randomizzato, in aperto, multicentrico, di fase 3, di non-inferiorità, presso 33 ospedali in Giappone.
Sono stati arruolati i pazienti che avevano carcinoma duttale invasivo del pancreas istologicamente provato, in stadio I-III patologicamente documentato, e nessun tumore residuo locale o tumore residuo microscopico e con un'età di 20 anni o superiore.

I pazienti affetti da cancro al pancreas operato chirurgicamente sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Gemcitabina ( 1.000 mg/m2, somministrata per via endovenosa nei giorni 1, 8 e 15, ogni 4 settimane, un ciclo, per un massimo di 6 cicli ) o S-1 ( 40 mg, 50 mg o 60 mg in base alla superficie corporea, somministrati per via orale due volte al giorno per 28 giorni [ 4 settimane ], seguiti da 14 giorni di riposo [ 2 settimane ], ogni 6 settimane [ un ciclo ], fino a 4 cicli ) con un metodo di minimizzazione modificato, bilanciando lo stato tumorale residuo, lo stato linfonodale, e i Centri di cura.

L'esito primario era la sopravvivenza globale nei due gruppi di trattamento, valutata nella popolazione per-protocol, escludendo i pazienti non-ammissibili e quelli che non hanno ricevuto il trattamento assegnato.

La superiorità di S-1 rispetto alla sopravvivenza globale è stata valutata anche nella popolazione per-protocol con un log-rank test, se veniva verificata la non-inferiorità di S-1.

È stata stimata la sopravvivenza complessiva e libera da recidiva ed è stata valutata la non-inferiorità di S-1 a Gemcitabina.

L'hazard ratio atteso ( HR ) per la mortalità è stato pari a 0.87 con un margine di non-inferiorità di 1.25 ( 80% di potenza; errore unilaterale di tipo I 2.5% ).

385 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento tra il 2007 e il 2010 ( 193 al gruppo Gemcitabina e 192 al gruppo S-1 ).

Di questi, 3 sono stati esclusi a causa di ineleggibilità e 5 non hanno ricevuto la chemioterapia.

La popolazione per-protocollo pertanto è stata composta da 190 pazienti nel gruppo Gemcitabina e 187 pazienti nel gruppo S-1.

Nel settembre 2012, a seguito della raccomandazione del Comitato indipendente di sorveglianza dei dati e della sicurezza, lo studio è stato interrotto perché i criteri prespecificati per l'interruzione precoce erano stati raggiunti con l'analisi ad interim per l'efficacia, quando tutti i trattamenti di protocollo erano stati finiti.
L'analisi con i dati di follow-up a gennaio 2016 ha mostrato un hazard ratio di mortalità pari a 0.57 ( P per la non-inferiorità minore di 0.0001, P minore di 0.0001 per la superiorità ), associata a sopravvivenza globale a 5 anni del 24.4% nel gruppo Gemcitabina e 44.1% nel gruppo S-1.

La leucopenia di grado 3 o 4, neutropenia, aspartato aminotransferasi e alanina aminotransferasi sono stati osservati più frequentemente nel gruppo Gemcitabina, mentre stomatite e diarrea erano più frequenti nel gruppo S-1.

Dallo studio è emerso che la chemioterapia adiuvante con S-1 può essere un nuovo standard di cura per il carcinoma al pancreas resecato in pazienti giapponesi. Q
uesti risultati devono essere valutati in pazienti non-asiatici. ( Xagena2016 )

Uesaka K et al, Lancet 2016; 388: 248-257

Onco2016 Gastro2016 Farma2016


Indietro