Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Novartis
OncoHub

Chemioterapia adiuvante post-operatoria in pazienti con carcinoma rettale di stadio II/III trattati con terapia neoadiuvante


Linee guida pratiche raccomandano che i pazienti che ricevono chemioterapia neoadiuvante e radiazione per carcinoma rettale localmente avanzato completino la chemioterapia sistemica post-operatoria, indipendentemente dalla stadiazione del tumore.

Il database National Comprehensive Cancer Network ( NCCN ) Colorectal Cancer Database tiene traccia in modo longitudinale dei trattamenti di pazienti seguiti in 8 Centri oncologici specializzati negli Stati Uniti ed è stato utilizzato per valutare con quale frequenza i pazienti con carcinoma rettale trattati con chemioterapia neoadiuvante venissero trattati anche con chemioterapia sistemica post-operatoria.

Le caratteristiche dei pazienti e dei tumori sono state analizzate in un modello di regressione logistica a variabili multiple.

Nel periodo 2005-2010, 2.073 pazienti con tumore rettale di stadio II/III sono stati arruolati nel database.

Di questi, 1.193 pazienti in trattamento con chemioradioterapia neoadiuvante sono stati analizzati, inclusi 203 pazienti non-trattati con alcuna terapia adiuvante.

Per quelli visti da un oncologo medico, il motivo più frequente per la mancata raccomandazione della chemioterapia era una malattia in comorbilità ( 25 su 50, 50% ); la ragione più frequente per il mancato trattamento chemioterapico, nonostante fosse stato raccomandato o preso in considerazione, era il rifiuto da parte del paziente ( 54 su 74, 73% ).

Dopo controlli per stadio NCCN Cancer Center e stadio clinico TNM in un modello logistico a variabili multiple, i fattori associati in modo significativo al mancato trattamento chemioterapico adiuvante sono stati: età, performance status del ECOG ( Eastern Cooperative Oncology Group ) uguale o maggiore a 1, copertura Medicaid o paziente indigente rispetto a copertura assicurativa privata, risposta patologica completa, presenza di nuova operazione / infezione della ferita e mancata chiusura di ileostomia / colostomia.

In conclusione, anche presso Centri oncologici specializzati, una minoranza non-trascurabile di pazienti con carcinoma rettale trattato con chemioradioterapia neoadiuvante con intento curativo non hanno completato la chemioterapia post-operatoria.
Sono necessarie strategie per facilitare la capacità di completare questo terzo e ultimo passo del trattamento a fini curativi. ( Xagena2013 )

Khrizman P et al, J Clin Oncol 2013; 31: 30-38

Onco2013 Gastro2013 Farma2013 Chiru2013


Indietro