Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore prostata

Dabrafenib nel melanoma metastatico con mutazioni in BRAF


Dabrafenib, un inibitore di BRAF mutato, mostra attività clinica con un profilo di sicurezza gestibile in studi di fase 1 e 2 in pazienti con melanoma metastatico con mutazione BRAF(V600).

Uno studio ha valutato l’efficacia di Dabrafenib in pazienti con melanoma metastatico BRAF(V600E).

Nello studio in aperto di fase 3 sono stati arruolati pazienti nel periodo 2010-2011.
Sono stati riportati i dati disponibili alla data prestabilita come cut-off del 19 dicembre 2011.

Pazienti di età uguale o superiore a 18 anni con precedente melanoma non-trattato, di stadio IV o di stadio III non-resecabile positivo per la mutazione BRAF(V600E) sono stati assegnati in maniera casuale, e in rapporto 3:1, a ricevere Dabrafenib ( 150 mg 2 volte al giorno per via orale ) o Dacarbazina ( 1000 mg/m2 per via endovenosa ogni 3 settimane; Deticene ).

I pazienti sono stati stratificati in base alla stadiazione dell’American Joint Committee on Cancer ( non-resecabile III+IVM1a+IVM1b vs IVM1c ).

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata dal ricercatore e le analisi sono state effettuate per intention-to-treat; la sicurezza è stata valutata per protocollo.

Dei 733 pazienti presi in esame, 250 sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Dabrafenib ( 187 pazienti ) o Dacarbazina ( 63 pazienti ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 5.1 mesi per Dabrafenib e 2.7 mesi per dacarbazina, con un hazard ratio ( HR ) di 0.30 ( p inferiore a 0.0001 ).

Alla data di cutoff, 107 ( 57% ) pazienti nel gruppo Dabrafenib e 14 ( 22% ) in quello Dacarbazina sono rimasti nel trattamento randomizzato.

Eventi avversi legati al trattamento ( di grado 2 o superiore ) si sono manifestati in 100 ( 53% ) dei 187 pazienti trattati con Dabrafenib e in 26 ( 44% ) dei 59 trattati con Dacarbazina.

I più comuni eventi avversi con Dabrafenib sono stati: effetti tossici cutanei, febbre, fatigue, artralgia e mal di testa; mentre con Dacarbazina sono stati: nausea, vomito, neutropenia, fatigue e astenia.

Eventi avversi di grado 3-4 sono risultati poco comuni in entrambi i gruppi.

In conclusione, Dabrafenib ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Dacarbazina. ( Xagena2012 )

Hauschild A et al, Lancet 2012; 380: 358-365


Onco2012 Dermo2012 Farma2012


Indietro