Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore Vescica
Tumori testa-collo

Dabrafenib più Trametinib versus Dabrafenib in monoterapia nei pazienti con melanoma metastatico con mutazione BRAF V600E/K


L'analisi precedente di COMBI-d ha dimostrato una migliore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ) con la combinazione di Dabrafenib ( Tafinlar ) e Trametinib ( Mekinist ) rispetto alla monoterapia con Dabrafenib nel melanoma metastatico con mutazione BRAF V600E/K.
Lo studio è stato continuato per valutare l'efficacia e la sicurezza a 3 anni dopo un follow-up di 36 mesi o superiore per tutti i pazienti vivi.

Lo studio in doppio cieco, di fase 3, ha arruolato pazienti non-trattati precedentemente con melanoma con mutazione BRAF V600E/K non-resecabile in stadio IIIC o IV.
I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Dabrafenib ( 150 mg due volte al giorno ) più Trametinib ( 2 mg una volta al giorno ) o Dabrafenib più placebo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione; gli endpoint secondari erano la sopravvivenza globale, la risposta globale, la durata della risposta, la sicurezza e la farmacocinetica.

Nel 2012, 423 pazienti selezionati sono stati randomizzati per ricevere Dabrafenib più Trametinib ( n=211 ) oppure Dabrafenib in monoterapia ( n=212 ).

Al cut-off dei dati, i risultati sono rimasti superiori con la combinazione: la sopravvivenza libera da progressione a 3 anni è stata del 22% con Dabrafenib più Trametinib rispetto al 12% con la monoterapia, e la sopravvivenza globale a 3 anni è stata del 44% rispetto al 32%, rispettivamente.

25 pazienti trattati con la monoterapia sono passati alla terapia di combinazione, con follow-up continuato nel braccio monoterapico.
Tra i pazienti nel braccio di combinazione vivi a 3 anni, il 58% è rimasto in trattamento con Dabrafenib più Trametinib.

La sopravvivenza globale a 3 anni con la combinazione ha raggiunto il 62% nel sottogruppo più favorevole ( lattato deidrogenasi normale e meno di 3 siti di organo con metastasi ) rispetto al solo 25% nel sottogruppo sfavorevole ( elevata lattato deidrogenasi ).
Il profilo di sicurezza di Dabrafenib più Trametinib è stato coerente con le precedenti osservazioni di studi clinici, e nessun nuovo segnale di sicurezza è stato rilevato con l’uso a lungo termine.

In conclusione, i dati hanno dimostrato che una sopravvivenza duratura ( 3 anni o superiore ) è raggiungibile con Dabrafenib più Trametinib nei pazienti con melanoma metastatico con mutazione BRAF V600, e supportano l'uso a lungo termine in prima linea della combinazione in questo ambito. ( Xagena2017 )

Long GV et al, Ann Oncol 2017; 28: 1631-1639

Dermo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro