Novartis
Lung Unit
BMS
Tumori GenitoUrinari

Denosumab attivo nel tumore a cellule giganti delle ossa


Il tumore a cellule giganti delle ossa ( osteoclastoma ) mostra una quasi totale assenza di progressione della malattia durante il trattamento con Denosumab ( Xgeva ).

Tutti i 96 pazienti coinvolti in uno studio, tranne uno, hanno ottenuto malattia stabile o una buona risposta al trattamento con l'inibitore del ligando RANK, comprese risposte obiettive in quasi la metà dei pazienti.

In un sottogruppo di 23 pazienti con malattia chirurgicamente curabile, 15 hanno evitato l'intervento chirurgico e altri 5 hanno avuto un intervento chirurgico meno esteso di quanto originariamente previsto.

Denosumab è risultato generalmente ben tollerato, e nessun evento avverso inatteso si è verificato.
La progressione della malattia è stata arrestata nel 99% dei soggetti.

Il tumore a cellule giganti dell'osso è un tumore osteolitico raro ma aggressivo che provoca gravi morbilità scheletriche.
Di solito colpisce i giovani adulti; il tumore maligno cresce rapidamente e si diffonde ai tessuti molli circostanti.
La chirurgia resta l'unica terapia definitiva, ma la maggior parte dei pazienti si presenta con tumori non-operabili. Quando l'intervento è attuabile, la procedura tende ad essere estesa e associata a significativa morbidità.
Nessun uso di terapia sistemica è stato approvato nel tumore a cellule giganti delle ossa.

Le cellule tumorali giganti simil-osteoclastiche esprimono il recettore dell'attivatore del fattore nucleare kappa-B ( RANK ) e il tumore contiene cellule stromali che esprimono il ligando RANK, un mediatore della formazione degli osteoclasti.
Il conseguente squilibrio del rimodellamento osseo favorisce il riassorbimento e fornisce una spiegazione razionale per la valutazione di Denosumab nel tumore a cellule giganti delle ossa.

I ricercatori hanno arruolato adulti o adolescenti con una struttura scheletrica matura.
I pazienti hanno ricevuto Denosumab per via sottocutanea nei giorni 1, 8 e 15, e poi una volta ogni 4 settimane fino a progressione della malattia o sviluppo di eventi avversi inaccettabili.

L'endpoint primario per i pazienti con malattia non-resecabile o metastatica era rappresentato dalla sicurezza di Denosumab e la progressione della malattia durante il trattamento.

Per i pazienti con malattia chirurgicamente resecabile, gli endpoint comprendevano anche i cambiamenti della pianificazione chirurgica dopo il trattamento con Denosumab. La chirurgia poteva essere praticata in qualsiasi momento mentre un paziente era nello studio, secondo il giudizio clinico del chirurgo.

I pazienti sottoposti a intervento chirurgico con la resezione incompleta del tumore potevano continuare il trattamento con Denosumab, a discrezione del medico.

Sono stati riportati i dati di 73 pazienti con malattia non-resecabile o metastatica e di 23 con tumori resecabili, ognuno dei quali aveva ricevuto Denosumab per un minimo di 6 mesi.

La popolazione di pazienti ha fornito la base per l'analisi di efficacia.
I dati sulla sicurezza sono arrivati dai 158 pazienti arruolati finora nello studio.

Le donne rappresentavano circa il 60% dei pazienti, con un'età media di circa 33 anni.
L'età dei pazienti era compresa tra 13 e 76 anni.
Tra i pazienti con tumori resecabili chirurgicamente, le localizzazioni primarie erano femore, tibia, rotula / ginocchio o tarso in due terzi dei casi.

Gli eventi avversi più comunemente riportati durante il trattamento con Denosumab sono stati: stanchezza, mal di schiena, mal di testa, dolori alle estremità, artralgia e nausea, che si sono verificati nell’ 11-15% dei pazienti.
Un totale di 7 pazienti ( 4% ) ha sviluppato ipocalcemia, un evento noto durante trattamento con Denosumab.
Tre pazienti ( 1.9% ) hanno sviluppato osteonecrosi della mandibola, anch'esso un evento conosciuto per Denosumab. Tutti e 3 i pazienti avevano una storia di estrazione dentale o di igiene dentale non-ottimale. Il tempo di insorgenza dell'osteonecrosi della mandibola è variato da 12.5 a 20.3 mesi.

I risultati di efficacia per i 73 pazienti con malattia chirurgicamente non-resecabile o metastatica hanno mostrato che 2 pazienti ( 3% ) hanno presentato una risposta completa e 32 soggetti ( 44% ) sono andati incontro a una risposta parziale. Altri 38 pazienti ( 52% ) hanno ottenuto malattia stabile e 1 paziente ha mostrato progressione della malattia.

Nella coorte di pazienti con tumore chirurgicamente resecabile, 5 hanno avuto una risposta completa ( 22% ), 7 hanno avuto una risposta parziale ( 30% ) e i restanti 11 hanno stabilizzato la malattia.
Nessun tumore è progredito durante il trattamento con Denosumab, secondo la valutazione dei ricercatori. ( Xagena2011 )

Fonte: International Conference on Cancer-Induced Bone, 2011


Onco2011 Endo2011 Farma2011


Indietro