BMS
Novartis
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia

Deprivazione androgenica combinata con Cixutumumab vs deprivazione androgenica da sola in pazienti con cancro alla prostata metastatico ormono-sensibile


Cixutumumab, precedentemente noto come IMC-A12, è un anticorpo monoclonale ricombinante umano immunoglobulina G1 che ha come bersaglio il recettore del fattore di crescita insulino-simile I ( IGF-IR ).
Cixutumumab ha mostrato un effetto sinergico con la castrazione in un modello di xenotrapianto di cancro alla prostata ormono-sensibile.

I pazienti affetti da nuovo carcinoma della prostata metastatico sono stati randomizzati entro 30 giorni dall'inizio della deprivazione androgenica a Cixutumumab aggiunto a un agonista dell’ormone rilasciante l’ormone luteinizzante ( LHRH ) con Bicalutamide ( Casodex ) rispetto alla deprivazione androgenica da sola.

Con 180 pazienti e un alfa unilaterale di 0.10, lo studio possedeva il 90% di potenza per rilevare una differenza assoluta del 20% nel tasso di antigene prostatico specifico non rilevabile ( PSA; inferiore o uguale a 0.2 ng/ml ) a 28 settimane ( rischio relativo, RR=1.44 ); questo end point è stato precedentemente fortemente correlato con la sopravvivenza.

Gli endpoint secondari comprendevano: percentuale di pazienti con PSA [ antigene prostatico specifico ] maggiore di 4.0 ng/ml, sicurezza e tollerabilità, livelli di cellule tumorali circolanti ( CTC ), e sette biomarcatori plasmatici di IGF-IR.

Lo studio ha arruolato 210 pazienti eleggibili ( 105 assegnati casualmente a ciascun braccio ).
Le caratteristiche dei pazienti erano simili in entrambi i bracci.
Il tasso di PSA rilevabile era 42 su 105 ( 40.0% ) per Cixutumumab più deprivazione androgenica, e 34 su 105 ( 32.3% ) per la sola deprivazione androgenica ( rischio relativo, 1.24; P unilaterale=0.16 ).

Più bassi livelli di cellule tumorali circolanti basali ( 0 vs 1 fino a 4 vs 5 o più per 7.5 ml di sangue intero ) sono stati associati a più alto tasso di risposta del PSA ( 3 categorie; P=0.036 ) in 39 pazienti valutabili.

I biomarcatori di IGF-IR non erano correlati con l’esito di PSA, e Cixutumumab non ha modificato in modo significativo questi livelli di biomarcatori.

in conclusione, Cixutumumab più deprivazione androgenica non ha aumentato in modo significativo il tasso di PSA non-rilevabile negli uomini con nuovo cancro alla prostata ormono-sensibile metastatico.
Le cellule tumorali circolanti al basale possono avere valore prognostico. ( Xagena2015 )

Yu EY et al, J Clin Oncol 2015; 33: 1601-1608

Onco2015 Uro2015 Farma2015


Indietro