Novartis
Roche Oncologia
OncoHub
Tumore prostata

Durvalumab come trattamento di terza linea o successiva per carcinoma del polmone non-a-piccole cellule avanzato: studio ATLANTIC


Gli inibitori del checkpoint immunitario sono un nuovo standard di cura per i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule avanzato ( NSCLC ) senza aberrazioni genetiche della tirosin-chinasi di EGFR o chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ) ( EGFR- / ALK- ), ma non sono stati mostrati benefici clinici nei pazienti con mutazioni di EGFR o riarrangiamenti di ALK ( EGFR+ / ALK+ ).

È stato valutato l'effetto del trattamento con Durvalumab ( Imfinzi ), un anti-PD-L1, in tre coorti di pazienti con tumore NSCLC definiti dallo stato EGFR / ALK ed espressione tumorale di PD-L1.

Lo studio ATLANTIC di fase 2, in aperto, a braccio singolo, effettuato in 139 Centri di studio in Asia, Europa e Nord America, ha arruolato pazienti che avevano un tumore NSCLC avanzato con progressione della malattia dopo almeno due precedenti regimi sistemici, inclusa la chemioterapia a base di Platino ( e la terapia con inibitore della tirosin-chinasi, se indicata ); avevano 18 anni o più; avevano un punteggio performance status WHO di 0 o 1; malattia misurabile secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1.

I criteri chiave di esclusione includevano forme miste di cancro polmonare a piccole cellule e istologia di tumore NSCLC; precedente esposizione a qualsiasi anticorpo anti-PD-1 o anti-PD-L1; e qualsiasi evento avverso precedente di grado 3 o superiore, immuno-correlato, durante il trattamento con un immunoterapico.

I pazienti nella coorte 1 avevano un tumore NSCLC EGFR+ / ALK+ con almeno il 25%, o meno del 25%, di cellule tumorali con espressione di PD-L1.
I pazienti nelle coorti 2 e 3 avevano un tumore NSCLC EGFR- / ALK-; la coorte 2 includeva pazienti con almeno il 25%, o meno del 25%, di cellule tumorali con espressione di PD-L1, e la coorte 3 includeva pazienti con almeno il 90% di cellule tumorali con espressione di PD-L1.

I pazienti hanno ricevuto Durvalumab ( 10 mg/kg ) ogni 2settimane, tramite infusione endovenosa, fino a 12 mesi.
Un ritrattamento è stato autorizzato per i pazienti che hanno tratto beneficio, ma hanno presentato progressione dopo aver completato i 12 mesi.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti con aumentata espressione tumorale di PD-L1 ( definita come 25% o più delle cellule tumorali nelle coorti 1 e 2 e 90% o più delle cellule tumorali nella coorte 3 ) che hanno raggiunto una risposta obiettiva, valutata in pazienti valutabili per la risposta secondo i criteri RECIST.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Durvalumab e per i quali erano disponibili dati post-dose.

Tra il 2014 e il 2015, 444 pazienti sono stati arruolati e hanno ricevuto Durvalumab: 111 nella coorte 1, 265 nella coorte 2 e 68 nella coorte 3.
Tra i pazienti con almeno il 25% delle cellule tumorali che esprimevano PD-L1 valutati per la risposta obiettiva, una risposta obiettiva è stata raggiunta in 9 ( 12.2% ) su 74 pazienti nella coorte 1 e in 24 ( 16% ) su 146 pazienti nella coorte 2.
Nella coorte 3, 21 ( 30.9% ) su 68 pazienti hanno ottenuto una risposta obiettiva.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 si sono verificati in 40 ( 9% ) pazienti su 444 in tutto: 6 su 111 pazienti nella coorte 1 ( 5% ), 22 su 265 nella coorte 2 ( 8% ) e 12 su 68 nella coorte 3 ( 18% ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 più comuni sono stati polmonite ( 4 pazienti, 1% ), aumento della gamma glutamiltransferasi ( 4, 1% ), diarrea ( 3, 1% ), reazione correlata all'infusione ( 3, 1% ), elevata aspartato aminotransferasi ( 2, inferiore a 1% ), transaminasi elevate ( 2, inferiore a 1% ), vomito ( 2, inferiore a 1% ) e affaticamento ( 2, inferiore a 1% ).
Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 27 ( 6% ) pazienti su 444 in totale: 5 su 111 pazienti nella coorte 1 ( 5% ), 14 su 265 nella coorte 2 ( 5% ) e 8 su 68 nella coorte 3 ( 12% ).
Gli eventi avversi gravi complessivamente più comuni sono stati polmonite ( 5 pazienti, 1% ), affaticamento ( 3, 1% ) e reazione correlata all'infusione ( 3, 1% ). 
Gli eventi immuno-mediati erano gestibili con i trattamenti standard.

Nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule avanzato e pesantemente pretrattato, l'attività clinica e il profilo di sicurezza di Durvalumab sono stati coerenti con quelli di altri agenti anti-PD-1 e anti-PD-L1.
Le risposte sono state registrate in tutte le coorti; la proporzione di pazienti con tumore NSCLC EGFR- / ALK- ( coorti 2 e 3 ) che hanno ottenuto una risposta è stata superiore alla proporzione di pazienti con tumore NSCLC EGFR+ / ALK+ ( coorte 1 ) che hanno ottenuto una risposta.

L'attività clinica di Durvalumab nei pazienti con tumore NSCLC EGFR+ con il 25% o più di cellule tumorali che esprimono PD-L1 è stata incoraggiante e sono giustificati ulteriori studi su Durvalumab in pazienti con tumore NSCLC EGFR+ / ALK+. ( Xagena2018 )

Garassino MC et al, Lancet Oncol 2018; 19: 521-536

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro