Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Tumori testa-collo

Durvalumab dopo chemioradioterapia nel tumore polmonare non-a-piccole cellule in stadio III


La maggior parte dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) localmente avanzato non-resecabile ha progressione della malattia nonostante la chemioradioterapia definitiva ( chemioterapia più radioterapia concomitante ).

Uno studio di fase 3 ha confrontato l'anticorpo anti-ligando 1 di morte cellulare programmata ( PD-L1 ) Durvalumab ( Imfinzi ) come terapia di consolidamento con il placebo nei pazienti con tumore NSCLC in stadio III che non presentavano progressione della malattia dopo due o più cicli di chemioradioterapia a base di Platino.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Durvalumab ( alla dose di 10 mg per chilogrammo di peso corporeo per via endovenosa ) oppure placebo ogni 2 settimane per un massimo di 12 mesi.
Il farmaco in studio è stato somministrato da 1 a 42 giorni dopo che i pazienti avevano ricevuto la chemioradioterapia.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( valutata mediante una revisione centrale indipendente in cieco ) e la sopravvivenza globale ( non-pianificata per l'analisi ad interim ).
Gli endpoint secondari includevano i tassi di sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi e a 18 mesi, il tasso di risposta obiettiva, la durata della risposta, il tempo al decesso o alle metastasi a distanza, e la sicurezza.

Dei 713 pazienti sottoposti a randomizzazione, 709 hanno ricevuto la terapia di consolidamento ( 473 hanno ricevuto Durvalumab e 236 hanno ricevuto placebo ).

La sopravvivenza libera da progressione mediana dalla randomizzazione è stata di 16.8 mesi con Durvalumab rispetto a 5.6 mesi con placebo ( rapporto di rischio stratificato per progressione della malattia o morte, 0.52; P minore di 0.001 ); il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi è stato del 55.9% rispetto al 35.3% e il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 18 mesi è stato del 44.2% rispetto al 27.0%.

Il tasso di risposta è stato più alto con Durvalumab che con placebo ( 28.4% vs 16.0%, P minore di 0.001 ), e la durata mediana della risposta è stata più lunga ( 72.8% vs 46.8% dei pazienti aveva una risposta continua a 18 mesi ).

Il tempo mediano a morte o metastasi a distanza è stato più lungo con Durvalumab che con placebo ( 23.2 mesi vs 14.6 mesi; P minore di 0.001 ).

Eventi avversi di grado 3 o 4 si sono verificati nel 29.9% dei pazienti trattati con Durvalumab e nel 26.1% di quelli che hanno ricevuto placebo; l'evento avverso più comune di grado 3 o 4 è stata la polmonite ( 4.4% e 3.8%, rispettivamente ).

In totale il 15.4% dei pazienti nel gruppo Durvalumab e il 9.8% di quelli nel gruppo placebo hanno interrotto il farmaco in studio a causa di eventi avversi.

In conclusione, la sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga con Durvalumab rispetto al placebo.
Anche gli endpoint secondari hanno favorito Durvalumab e la sicurezza è stata simile tra i gruppi. ( Xagena2017 )

Antonia SJ et al, N Engl J Med 2017; 377: 1919-1929

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro