Oncologia Morabito
Novartis
Roche Oncologia
OncoHub

Efficacia di Temsirolimus nel trattamento di pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo recidivato, refrattario e/o metastatico dopo precedente chemioterapia a base di Platino e trattamento con Cetuximab


Il carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ( SCCHN; tumore testa-collo a cellule squamose ) è una patologia comune, caratterizzata da una prognosi sfavorevole dopo fallimento della terapia.
L'attivazione dell'asse PI3K/Akt/mTOR, frequentemente osservata in caso di malattia recidivante o in stadio metastatico, ha fornito il razionale per lo studio clinico di fase II, a singolo braccio, TEMHEAD, condotto su un campione di pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo precedentemente trattato.

Un totale di 40 pazienti sono stati arruolati nello studio dopo fallimento di un precedente regime chemioterapico a base di Platino e della somministrazione di Cetuximab e hanno ricevuto una dose settimanale di 25 mg di Temsirolimus ( Torisel ) somministrata mediante infusione endovenosa di 30 minuti.
Il farmaco è stato somministrato fino a progressione della malattia, tossicità non più sostenibile o fino a interruzione dello studio per altre ragioni.

Un'analisi programmata di futilità è stata superata positivamente dopo il riscontro di almeno un successo in 20 pazienti esaminati.

Endpoint primario dello studio era il tasso di sopravvivenza libera da progressione ( PFR ) a 12 settimane.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), il tasso di controllo della malattia ( DCR ), la sopravvivenza globale (OS), il profilo di sicurezza e di tollerabilità, l'identificazione di biomarcatori predittivi per le mutazioni di KRAS, BRAF, PIK3CA e lo stato per l'infezione da Papillomavirus umano ( HPV ).

I campioni di tessuto tumorale, archiviati, sono stati analizzati per il sequenziamento del DNA.

Nei 40 pazienti risultati ammissibili, il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 12 settimane è stato del 40% ( intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 25.0-54.6 ), la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 56 giorni ( IC 95%: 36-113 giorni ), mentre la sopravvivenza globale è stata di 152 giorni ( IC 95%: 76-256 giorni ).

Nei 33 pazienti risultati valutabili, la stabilizzazione della malattia si è verificata nel 57.6% dei casi, con un ridimensionamento del tumore osservato in 13 pazienti ( 39.4% ).

Nel complesso, il trattamento è risultato ben tollerato, con le più comuni reazioni avverse rappresentate da fatica ( 47.5% ), anemia ( 25.0% ), nausea ( 20.0% ) e polmonite ( 20.0% ).

Nessuna mutazione è stata trovata nei geni KRAS e BRAF, mentre né le mutazioni PIK3CA, né lo stato per l'infezione da HPV sono risultati essere fattori predittivi per il successo del trattamento con Temsirolimus.

In conclusione, il restringimento del tumore e i parametri di efficacia hanno indicato che l'inibizione dell'asse PI3K/Akt/mTOR rappresenta una nuova opzione terapeutica nel trattamento del carcinoma a cellule squamose della testa e del collo.
Lo studio non è stato tuttavia in grado di identificare i fattori predittivi per il successo del trattamento con Temsirolimus, sottolineando la necessità di un miglioramento dell'analisi molecolare negli studi clinici futuri. ( Xagena2015 )

Grunwald V et al, Ann Oncol 2015; 26: 561-567

Onco2015 Neuro2015 Farma2015


Indietro