Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
OncoDermatologia

Esiti di qualità di vita per Cabozantinib ed Everolimus nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico: studio METEOR


Nello studio METEOR di fase III, 658 pazienti precedentemente trattati con carcinoma a cellule renali in stadio avanzato sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Cabozantinib ( Cabometyx ) o Everolimus ( Afinitor ).

Il braccio Cabozantinib ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) rispetto a Everolimus.

Sono stati riportati cambiamenti nella qualità di vita ( QoL ), un endpoint esplorativo.

I pazienti hanno completato il questionario 19-item Functional Assessment of Cancer Therapy-Kidney Symptom Index ( FKSI-19 ) ed EuroQol a 5 livelli ( EQ-5D-5L ) al basale e durante lo studio.

È stato valutato anche il FKSI–Disease-Related Symptoms in 9 punti ( FKSI-DRS ), un sottoinsieme di FKSI-19.

I dati sono stati riassunti in modo descrittivo e mediante analisi di misure ripetute, per le quali una differenza clinicamente rilevante era una dimensione dell'effetto maggiore o uguale a 0.3.
Il tempo al deterioramento ( TTD ) è stato definito come la più precoce data di morte, malattia progressiva radiografica o diminuzione di 4 punti o più rispetto al basale in FKSI-DRS.

I tassi di completamento dei questionari sulla QoL sono rimasti del 75% o superiori alla settimana 48 in ciascun braccio.

Non c'è stata differenza nel tempo per i dati FKSI-19 totale, FKSI-DRS o EQ-5D tra i bracci di Cabozantinib ed Everolimus.

Tra i singoli punti di FKSI-19, Cabozantinib è stato associato a diarrea e nausea peggiori; Everolimus è stato associato a peggiore mancanza di respiro.
Queste differenze sono coerenti con il profilo degli eventi avversi di ciascun farmaco.
Cabozantinib ha migliorato il tempo al deterioramento complessivo, con un netto miglioramento nei pazienti con metastasi ossee al basale.

In conclusione, nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato, rispetto a Everolimus, Cabozantinib ha generalmente mantenuto la qualità di vita in misura analoga.
Rispetto a Everolimus, Cabozantinib ha esteso il tempo al deterioramento in generale e ha evidenziato un marcato miglioramento del tempo al deterioramento nei pazienti con metastasi ossee. ( Xagena2018 )

Cella D et al, J Clin Oncol 2018; 36: 757-764

Onco2018 Uro2018 Nefro2018 Farma2018


Indietro