Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumori GenitoUrinari
OncoGinecologia

Everolimus in pazienti con timoma e carcinoma timico precedentemente trattati con chemioterapia a base di Cisplatino


Non sono disponibili trattamenti di salvataggio efficaci per i pazienti con timoma avanzato o recidivante o carcinoma timico che hanno progredito dopo chemioterapia a base di Platino.
È stata valutata l'attività di Everolimus ( Afinitor ) in pazienti con timoma o carcinoma timico in stadio avanzato / recidivante precedentemente trattati con chemioterapia contenente Cisplatino.

In uno studio di fase II a braccio singolo, in aperto, multicentrico, i pazienti hanno ricevuto 10 mg/die di Everolimus orale fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o rifiuto del paziente.
È stato progettato lo studio Fleming di fase II.

L'ipotesi nulla di un vero tasso di controllo della malattia ( DCR ) del 40% è stata testata contro un'alternativa unilaterale di un DCR reale del 60% ( alfa=beta=0.10 ): se il controllo della malattia fosse stato raggiunto in 21 o più dei primi 41 pazienti valutabili, Everolimus sarebbe stato raccomandato per una ulteriore valutazione.
Sono state valutate anche la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza generale e la sicurezza.

Dal 2011 al 2013 sono stati arruolati 51 pazienti ( timoma, n=32; carcinoma timico, n=19 ).

Una remissione completa è stata osservata in un paziente con carcinoma timico, una risposta parziale in 5 pazienti ( timoma, n=3; carcinoma timico, n=2 ) e malattia stabile in 38 pazienti ( timoma, n=27; carcinoma timico, n=11 ), con un DCR dell'88% ( timoma, 93.8%; carcinoma timico, 77.8% ).

Con un follow-up mediano di 25.7 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 10.1 mesi ( timoma, 16.6 mesi; carcinoma timico, 5.6 mesi ) e la sopravvivenza globale mediana è stata di 25.7 mesi ( timoma, non-raggiunta; carcinoma timico, 14.7 mesi ).

Un grave evento avverso correlato al farmaco si è verificato in 14 pazienti; di questi pazienti, 9 hanno permanentemente interrotto il trattamento.
Tre pazienti sono morti di polmonite durante lo studio.
La positività immunoistochimica per p4E-BP1 o recettore del fattore di crescita insulino-simile di tipo 1 ( IGF-1 ) è risultata statisticamente correlata a una sopravvivenza più breve.

In conclusione, Everolimus può indurre un controllo duraturo della malattia in un'alta percentuale di pazienti con timoma o carcinoma timico, anche se con un potenziale alto rischio di polmonite fatale. ( Xagena2018 )

Zucali PA et al, J Clin Oncol 2018; 36: 342-349

Onco2018 Endo2018 Farma2018


Indietro