OncoHub
Roche Oncologia
Novartis
Tumore prostata

Everolimus nel tumore alla mammella in stadio avanzato positivo per il recettore dell’ormone in post-menopausa


La resistenza alla terapia endocrina nel carcinoma mammario è associata ad attivazione della via di segnalazione intracellulare del target della rapamicina nei mammiferi ( mTOR ).

In alcuni studi, l’inibitore di mTOR Everolimus ( Afinitor ) in aggiunta alla terapia endocrina ha mostrato attività antitumorale.

È stato condotto uno studio randomizzato e di fase 3, per confrontare Everolimus ed Exemestane ( Aromasin ) versus Exemestane e placebo ( assegnazione casuale in rapporto 2:1 ) in 724 pazienti con tumore alla mammella in stadio avanzato positivo per il recettore dell’ormone con recidiva o progressione della malattia nonostante terapia con un inibitore non-steroideo dell’aromatasi in un contesto adiuvante o di malattia in stadio avanzato ( o entrambe ).

L’end point primario era la sopravvivenza libera da progressione; gli end point secondari includevano sopravvivenza, tasso di risposta e sicurezza.

Un’analisi ad interim pre-pianificata è stata effettuata da un Comitato indipendente per il monitoraggio dei dati e della sicurezza dopo l’osservazione di 359 eventi di sopravvivenza libera da progressione.

L’età mediana delle pazienti era di 62 anni, il 56% mostrava coinvolgimento viscerale e l’84% malattia ormono-sensibile.

Le precedenti terapie includevano Letrozolo o Anastrozolo ( 100% ), Tamoxifene ( 48% ), Fulvestrant ( 16% ) e chemioterapia ( 68% ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 sono stati stomatite ( 8% nel gruppo Everolimus-più-exemestano vs 1% in quello placebo-più-Exemestane ), anemia ( 6% vs meno di 1% ), dispnea ( 4% vs 1% ), iperglicemia ( 4% vs meno di 1% ), fatigue ( 4% vs 1% ) e polmonite ( 3% vs 0% ).

Nell’analisi ad interim, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 6.9 mesi con Everolimus più Exemestane e 2.8 mesi con placebo più Exemestane, in accordo alle valutazioni condotte da ricercatori locali ( hazard ratio per progressione o decesso, HR=0.43; P inferiore a 0.001 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 10.6 mesi e 4.1 mesi, rispettivamente, in base alla valutazione centrale ( HR=0.36; P inferiore a 0.001 ).

In conclusione, Everolimus in combinazione con un inibitore dell’aromatasi ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione in pazienti con carcinoma mammario in fase avanzata positivo per il recettore dell’ormone, precedentemente trattato con inibitori non-steroidei dell’aromatasi. ( Xagena2012 )

Baselga J et al, N Engl J Med 2012; 366: 520-529


Onco2012 Gyne2012 Farma2012


Indietro