OncoHub
Roche Oncologia
Novartis
Tumore prostata

Everolimus rispetto a Sunitinib nei pazienti con carcinoma renale metastatico non-a-cellule chiare


I carcinomi renali a cellule non-chiare sono tumori renali istologicamente e geneticamente diversi con prognosi variabile, e il loro trattamento iniziale ottimale è sconosciuto.
E’ stato messo a confronto l'inibitore di mTOR Everolimus ( Afinitor ) e l’inibitore del recettore VEGF Sunitinib ( Sutent ) nei pazienti con carcinoma renale a cellule non-chiare.

Sono stati arruolati pazienti con carcinoma renale a cellule non-chiare metastatico papillare, cromofobo, o non-classificato, senza storia di precedente trattamento sistemico.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Everolimus ( 10 mg/die ) o Sunitinib ( 50 mg/die; cicli di 6 settimane di 4 settimane con trattamento seguito da 2 settimane senza trattamento ) somministrati per via orale fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

La randomizzazione è stata stratificata per gruppo di rischio MSKCC ( Memorial Sloan Kettering Cancer Center ) e istologia papillare.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione intention-to-treat utilizzando i criteri RECIST 1.1.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che sono stati assegnati in modo casuale al trattamento.

Tra il 2010 e il 2013, 108 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Sunitinib ( n=51 ) o Everolimus ( n=57 ).

A partire dal 2014, si erano verificati 87 eventi di sopravvivenza libera da progressione con 2 pazienti rimanenti attivi, e lo studio è stato chiuso per l'analisi primaria.

Sunitinib ha aumentato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Everolimus ( 8.3 mesi vs 5.6 mesi; hazard ratio, HR=1.41; P=0.16 ), anche se l’eterogeneità dell'effetto del trattamento è stata osservata sulla base dei sottotipi istologici e dei gruppi di rischio prognostici.

Non sono stati riportati effetti tossici imprevisti, e gli eventi avversi più comuni di grado 3-4 sono stati ipertensione ( 12 di 51 pazienti nel gruppo Sunitinib, 24%, vs 1 di 57 pazienti nel gruppo Everolimus, 2% ), infezioni ( 6, 12%, vs 4, 7% ), diarrea ( 5, 10%, vs 1, 2% ), polmonite ( nessuno vs 5, 9% ), stomatite ( nessuno vs 5, 9% ) e sindrome mano-piede ( 4, 8%, vs nessuno ).

Nei pazienti con carcinoma renale a cellule non-chiare metastatico, Sunitinib ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Everolimus. ( Xagena2016 )

Armstrong AJ et al, Lancet 2016; 17: 378-388

Onco2016 Nefro2016 Uro2016 Farma2016


Indietro