Lung Unit
Novartis
BMS
Melanoma

Gefitinib da solo versus Gefitinib più chemioterapia per tumore al polmone non-a-piccole cellule con mutazione un EGFR: studio NEJ009


L'inibitore della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita dell'epidermide ( EGFR ) combinato con la chemioterapia citotossica è altamente efficace per il trattamento del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato con mutazioni di EGFR; tuttavia, si sa poco sull'efficacia e sulla sicurezza di questa combinazione rispetto a quelle della terapia standard con i soli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR.

Sono stati assegnati in modo casuale 345 pazienti con tumore NSCLC metastatico di nuova diagnosi con mutazioni di EGFR a Gefitinib ( Iressa ) combinato con Carboplatino più Pemetrexed o Gefitinib da solo.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza libera da seconda progressione ( PFS2 ) e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state analizzate come endpoint primari.
Gli endpoint secondari erano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), la sicurezza e la qualità di vita ( QOL ).

Il tasso ORR e la sopravvivenza PFS erano migliori nel gruppo di combinazione rispetto al gruppo Gefitinib ( ORR, 84% vs 67%, P minore di 0.001; PFS, 20.9 vs 11.9 mesi; hazard ratio per mortalità o progressione della malattia, 0.490, P minore di 0.001 ), sebbene la sopravvivenza PFS2 non fosse significativamente differente ( 20.9 vs 18.0 mesi; P=0.092 ).

Anche la sopravvivenza OS mediana nel gruppo di combinazione è stata significativamente più lunga rispetto al gruppo solo Gefitinib ( 50.9 vs 38.8 mesi; hazard ratio per mortalità, 0.722; P=0.021 ).

Il tasso di eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore, come tossicità ematologiche, era maggiore nel gruppo di combinazione rispetto al gruppo Gefitinib ( 65.3% vs 31.0% ); non ci sono state differenze nella qualità di vita.
Un decesso correlato al trattamento è stato osservato nel gruppo di combinazione.

Rispetto al solo Gefitinib, Gefitinib combinato con Carboplatino più Pemetrexed ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule, in fase avanzata, non-trattato, con mutazioni nel gene EGFR con un profilo di tossicità accettabile, sebbene i benefici sulla sopravvivenza globale richiedano un'ulteriore validazione. ( Xagena2020 )

Hosomi Y et al, J Clin Oncol 2020; 38: 115-123

Onco2020 Pneumo2020 Farma2020


Indietro