Novartis
OncoHub
Oncologia Morabito
Janssen Oncology

Il trapianto autologo di cellule staminali migliora gli esiti nel linfoma follicolare


Il trapianto autologo di cellule staminali è risultato associato a una migliore sopravvivenza rispetto ai regimi basati su Rituximab in una coorte di pazienti con linfoma follicolare.
Non è emerso un miglioramento della sopravvivenza per il trapianto allogenico.

L’obiettivo dello studio era quello di determinare se il trapianto autologo o allogenico di cellule staminali fosse ottimale per i pazienti con linfoma follicolare trasformato, e se entrambi i tipi di trapianto migliorassero l’esito rispetto alla sola chemioterapia con Rituximab ( MabThera ).

L'endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza globale.

In totale, 97 pazienti sono stati assegnati alla coorte trapianto autologo, 22 pazienti alla coorte trapianto allo genico e 53 sono stati trattati con regimi contenenti Rituximab.

Dopo la trasformazione, la sopravvivenza globale a 5 anni è stata pari al 65% nel gruppo autologo, 46% nel gruppo allogenico e 61% nel gruppo Rituximab ( P=0.24 ).

I tassi di sopravvivenza libera da progressione a 5 anni sono stati pari al 55% per il trapianto di cellule staminali autologhe, il 46% per il trapianto allogenico e il 40% per Rituximab ( P= 0.12 ).

L’analisi multivariata ha indicato che il trapianto autologo era associato a un miglioramento della sopravvivenza globale, rispetto a Rituximab ( hazard ratio, HR=0.13 ).

Non è stato osservato invece un miglioramento simile quando è stato confrontato il trapianto allogenico con Rituximab ( HR=0.44 ).

Il tasso di mortalità trapianto-correlata a 5 anni è stato del 5% nel gruppo autologo e del 23% nel gruppo allogenico. ( Xagena2013 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2013


Onco2013 Emo2013 Farma2013


Indietro