Lung Unit
Tumore Uroteliale
Melanome
Tumore Ovaie

Ipilimumab e Nivolumab nel trattamento del mesotelioma pleurico maligno ricorrente: studio INITIATE


L'inibizione del checkpoint a singolo farmaco ha mostrato efficacia nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno ricorrente.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia della combinazione di Nivolumab ( Opdivo ), un anticorpo anti-PD-1, più Ipilimumab ( Yervoy ), un anticorpo anti-CTLA-4, nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno precedentemente trattato e recidivato.

INITIATE era uno studio prospettico a singolo Centro, a braccio singolo, di fase 2.
Sono stati arruolati pazienti con mesotelioma pleurico maligno progrediti dopo almeno una linea di chemioterapia contenente Platino.
I criteri chiave di ammissibilità erano la malattia misurabile in base ai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi per i mesoteliomi, ECOG performance status di 0 o 1 e funzione organica adeguata.

I pazienti hanno ricevuto Nivolumab per via endovenosa ( 240 mg ogni 2 settimane ) più Ipilimumab per via endovenosa ( 1 mg/kg ogni 6 settimane fino a quattro volte ).
Il trattamento è proseguito per un massimo di 2 anni o fino a progressione confermata o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il controllo della malattia a 12 settimane. Tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di terapia sono stati inclusi nell'analisi di sicurezza e tutti i pazienti che hanno ricevuto una dose di terapia e almeno una valutazione radiologica sono stati inclusi nell'analisi primaria.

Tra il 2016 e il 2017, 38 pazienti sono stati arruolati nello studio, di cui 2 sono stati esclusi perché non erano idonei per una biopsia.
Di 36 pazienti eleggibili, uno è peggiorato prima dell'inizio dello studio quindi non è stato incluso in nessuna analisi e uno ha ritirato il consenso dopo un ciclo di trattamento prima che la valutazione radiologica fosse inclusa nella popolazione di sicurezza.
34 pazienti erano valutabili per la risposta a 12 settimane.

Di questi, 10 ( 29% ) hanno presentato una risposta parziale e 13 ( 38% ) hanno avuto una malattia stabile; quindi, il controllo della malattia è stato raggiunto da 23 pazienti su 34 ( 68% ).

Eventi avversi correlati al trattamento sono stati riportati in 33 pazienti ( 94% ).
Gli eventi avversi più comuni sono stati reazioni legate all'infusione, disturbi della cute e stanchezza.
Eventi avversi di grado 3 correlati al trattamento sono stati riportati in 12 pazienti su 35 ( 34% ).

In questo studio di fase 2 a Centro singolo, la combinazione di Nivolumab e Ipilimumab ha mostrato una marcata efficacia nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno ricorrente.
Il profilo di sicurezza è stato coerente con i dati noti sul regime di associazione.
I risultati giustificano ulteriori indagini su questa combinazione in uno studio di fase 3. ( Xagena2019 )

Crestani B et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 60-68

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro