Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Melanome

La caffeina può abbassare il rischio di carcinoma a cellule basali


Due ampi studi di coorte hanno mostrato che un consumo di Caffeina relativamente modesto è stato associato a un rischio relativo significativamente più basso di carcinoma a cellule basali.

Le persone che hanno consumato più di tre tazze di caffè in un mese hanno avuto una riduzione del 17% nel rischio relativo di carcinoma a cellule basali rispetto agli individui che bevevano meno di una tazza al mese.

Non sono state trovate associazioni tra consumo di Caffeina e carcinoma a cellule squamose o melanoma.

Studi di laboratorio hanno dimostrato che la Caffeina per via orale e topica previene il carcinoma a cellule squamose in topi esposti ai raggi ultravioletti ( UV ).
Altri studi preclinici hanno indicato che la Caffeina con applicazione topica ha dimostrato di indurre apoptosi dei cheratinociti danneggiati dai raggi UV nei modelli murini.

Dati osservazionali sono stati meno convincenti, poiché alcuni studi hanno dimostrato associazioni incoerenti tra Caffeina e tumore della pelle, tra cui melanoma e tumori non-melanoma.
Nessuno di questi studi ha fatto distinzione tra caffè con Caffeina e caffè decaffeinato o tè, un dato fondamentale che potrebbe dimostrare se altri componenti del caffè o del tè hanno attività antitumorale.

Per chiarire questo aspetto sono stati rivisti i dati del Nurses Health Study ( NHS ) e del Health Professionals Follow-up Study ( HPFS ).

Lo studio NHS ha incluso 121.700 donne di età compresa tra 30 e 55 anni nel 1976 al momento dell'arruolamento.
Hanno preso parte allo studio HPFS 51.529 uomini tra i 40 e i 75 anni d’età nel 1976.

Sono stati analizzati i dati di 112.897 partecipanti provenienti dai due studi ( 72.921 donne e 39.976 uomini ).
Durante 24 e 22 anni di follow-up per NHS e HPFS, rispettivamente, 22.786 partecipanti hanno sviluppato carcinoma a cellule basali, 1.953 hanno sviluppato carcinoma a cellule squamose e 741 melanoma avanzato.

Utilizzando i dati del Department of Agriculture degli Stati Uniti, i ricercatori hanno stimato un contenuto di 137 mg di Caffeina per tazza di caffè con Caffeina, 47 mg per ogni tazza di tè, 46 mg per 355 ml di bibita con Caffeina e 7 mg per circa 30 g di cioccolato.

Sono stati stratificati i partecipanti allo studio in quintili per il consumo quotidiano di Caffeina, che è variato da 31 a 604 mg nello studio NHS e da 8 a 584 mg nello studio HPFS.
L'analisi ha mostrato una relazione inversa tra il consumo di Caffeina da tutte le fonti combinate e il rischio di carcinoma a cellule basali.

Il confronto tra il quintile più alto e quello più basso per il consumo di Caffeina ha determinato un rischio relativo di 0.82 per carcinoma a cellule basali nelle donne e 0.87 negli uomini ( P per trend minore di 0.0001 in entrambi i gruppi ).
Il rischio relativo è stato pari a 0.84 per gli uomini e le donne nel complesso.

Il caffè ha rappresentato il 78.5% di tutto il consumo di Caffeina. Un confronto separato del rischio di cancro della pelle per il consumo di caffè ha prodotto un rischio relativo di 0.83 per il quintile più alto rispetto al più basso.
È stata riscontrata una relazione dose-risposta tra Caffeina e rischio di carcinoma a cellule basali in donne ( P per trend minore di 0.0001 ) e uomini ( P per trend=0.003 ).

La Caffeina da fonti diverse dal caffè ha avuto una relazione inversa con il carcinoma a cellule basali ( 0.88 nelle donne, 0.93 negli uomini ), anche se l'effetto non ha raggiunto significatività statistica. ( Xagena2012 )

Fonte: Cancer Research, 2012


Onco2012 Dermo2012 Farma2012


Indietro