Lung Unit
BMS
Novartis
Roche Oncologia

La tossicità degli inibitori dell'aromatasi può spiegare la mancanza di miglioramento della sopravvivenza generale


Le tossicità associate agli inibitori dell'aromatasi possono spiegare la mancanza di miglioramento della sopravvivenza globale rispetto al Tamoxifene ( Nolvadex ).

Gli inibitori dell'aromatasi sono una classe di farmaci usati per curare il cancro al seno nelle donne in post-menopausa.
Questi farmaci sono assunti generalmente in alternativa al Tamoxifene o dopo il trattamento iniziale con Tamoxifene.
In generale, essi sono associati con la riduzione della recidiva di tumore alla mammella, ma non migliorano la sopravvivenza.
Inoltre, gli inibitori dell’angiogenesi sono associati ad un numero di reazioni avverse significative, rispetto al Tamoxifene.

Per esaminare se la tossicità relativa degli inibitori dell'aromatasi rispetto al Tamoxifene può spiegare la mancanza di beneficio nella sopravvivenza globale nelle pazienti in postmenopausa con carcinoma mammario, un gruppo di ricercatori del Princess Margaret Hospital di Toronto, Ontario ( Canada ), ha condotto uno revisione sistematica per identificare tutti gli studi randomizzati che hanno confrontato gli inibitori dell'aromatasi e il Tamoxifene nelle donne in postmenopausa.

È stata poi eseguita una meta-analisi dei dati provenienti dagli studi randomizzati selezionati.
La meta-analisi ha utilizzato i dati provenienti da 7 studi a cui erano iscritti 30.023 pazienti.

Si è scoperto che, rispetto al Tamoxifene, un uso più prolungato di inibitori dell'aromatasi è stato associato a un aumento del tasso di malattia cardiaca e fratture ossee, ma con tassi più bassi di trombosi e di cancro dell’endometrio ed uterino.
Non sono state riscontrate differenze nel rischio di ictus o di altro tipo di tumore.

Inoltre, l'uso di inibitori dell'aromatasi per 2-3 anni dopo il trattamento iniziale con Tamoxifene è stato associato a un minor rischio di morte non-correlata al cancro alla mammella rispetto all'uso di un inibitore dell'aromatasi o a Tamoxifene da soli.
I ricercatori hanno quindi concluso che la tossicità degli inibitori dell'aromatasi quando sono utilizzati per lunghi periodi di trattamento, può spiegare la mancanza di beneficio nella sopravvivenza globale, nonostante un continuativo effetto positivo sulla recidiva di carcinoma mammario.

La tossicità cumulativa degli inibitori dell'aromatasi quando vengono utilizzati come trattamento up-front può spiegare la mancanza di beneficio nella sopravvivenza globale, nonostante i miglioramenti nella sopravvivenza libera da malattia.
Il passaggio da Tamoxifene agli inibitori dell'aromatasi riduce questa tossicità ed è probabile che sia il miglior compromesso tra efficacia e tossicità. ( Xagena2011 )

Fonte: J Natl Cancer Inst, 2011; 103


Onco2011 Gyne2011 Farma2011


Indietro