Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
ForumOncologico

L'ablazione con radiofrequenza è una valida opzione di trattamento per le metastasi polmonari: esperienza su 566 pazienti con 1.037 metastasi


Nel trattamento delle metastasi polmonari sono necessari metodi minimamente invasivi come alternativa alla chirurgia.
In tale ambito, una revisione ha esaminato le informazioni contenute nei database prospettici di due Centri oncologici, compresi i dati di tutti i pazienti consecutivi sottoposti ad ablazione con radiofrequenza per il trattamento di metastasi polmonari in un periodo di oltre 8 anni.
L'ablazione con radiofrequenza è stata effettuata in anestesia generale, mediante guida con tomografia computerizzata e utilizzando un ago-elettrodo espandibile dal calibro di 15 Gauge a uncini multipli.

Un totale di 566 pazienti, di cui 290 uomini ( 51% ), dall'età media di 62.7 anni ( intervallo: 49.5-75.9 anni ) e con diagnosi di tumore primario del colon ( 34% ), retto ( 18% ), rene ( 12% ), tessuti molli ( 9% ) o in varie sedi ( 27% ) sono stati sottoposti a 642 interventi di ablazione con radiofrequenza per il trattamento di 1037 metastasi polmonari.

Il 53% dei pazienti presentava 1 singola metastasi, il 25% dei pazienti presentava 2 metastasi, il 14% dei pazienti presentava 3 metastasi, il 5% dei pazienti presentava 4 metastasi, mentre il 4% presentava dalle 5 alle 8 metastasi; le metastasi erano unilaterali ( 75% ) o bilaterali ( 25% ), con un diametro mediano di 15 mm ( intervallo: 4-70 mm ).
Il 22% dei pazienti presentava malattia extrapolmonare sensibile a terapia locale, incluse 49 metastasi epatiche, 16 metastasi ossee e 60 metastasi a localizzazione varia.

Dopo un follow-up di 35.5 mesi, la sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 62 mesi.
L'efficacia locale a quattro anni associata al trattamento è stata dell'89%, mentre il tasso di controllo a 4 anni della malattia polmonare è stato del 44.1%, con i pazienti risultati sottoponibili a trattamento in modo sicuro fino a 4 volte.

L'origine primaria del tumore, l'intervallo di tempo libero da malattia, le dimensioni e il numero di metastasi sono risultati essere fattori associati alla sopravvivenza globale dei pazienti nell'analisi multivariata dei dati.

La progressione della malattia nel sito di ablazione con radiofrequenza era associata ad una scarsa sopravvivenza globale ( P = 0.011; hazard ratio, HR = 1.69; intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 1.13-2.54 ).

Nei 293 casi di metastasi da carcinoma colorettale, le dimensioni superiori a 2 cm ( HR = 2.10; P = 0.0027 ) e un numero di metastasi superiore o uguale a 3 ( HR = 1.86; P = 0.011 ) hanno continuato a essere fattori significativamente associati alla sopravvivenza globale.

La definizione di 3 categorie di pazienti suddivisi per punteggio prognostico basato sui 4 fattori di rischio precedentemente citati ( localizzazione del tumore primario, intervallo di tempo libero da malattia, dimensioni e numero di metastasi ) ha evidenziato un tasso di sopravvivenza globale a 3 anni dell'82.2% ( categoria 1; n = 116; log-rank P minore o uguale a 0.0001 ), del 69.5% ( categoria 2; n = 265; log-rank P minore o uguale a 0.0001 ) e del 53.6% ( categoria 3; n = 169; log-rank P minore o uguale a 0.0001 ) nella popolazione generale e un tasso di sopravvivenza a 3 anni dell'81.3% ( categoria 1; n = 94; log-rank P = 0.005 ), del 72.8% ( categoria 2; n = 128; log-rank P = 0.005 ) e del 57.9% ( categoria 3; n = 62; log-rank P = 0.005 ) nei pazienti affetti da carcinoma colorettale.

In conclusione, i risultati dello studio hanno dimostrato che l'ablazione con radiofrequenza rappresenta una valida opzione per il trattamento delle metastasi polmonari di piccole dimensioni ( inferiori ai 2-3 centimetri ). ( Xagena2015 )

De Baere T et al, Ann Oncol 2015; 26: 987-991

Onco2015 Pneumo2015



Indietro